Inverno caldo e scarsità d'acqua complicano i raccolti per alcuni agricoltori italiani

Gli olivicoltori sperano che il caldo inverno non porti a una fioritura primaverile seguita da un gelo tardivo, come è successo nel 2021.

Carciofi ad un mercato italiano
Marzo 25, 2022
di Francesca Gorini
Carciofi ad un mercato italiano

Notizie recenti

Dopo un inverno classificato come il quinto più caldo della Terra, l'Italia accoglie la stagione primaverile con due preoccupazioni principali: il grave siccità che colpisce le sue regioni settentrionali e la distorsione causata dal caldo fuori stagione ai cicli colturali regolari.

Secondo l'associazione agricola italiana, Coldiretti, le temperature medie invernali nel secondo paese produttore di olio d'oliva in Europa sono aumentate di 0.15 ºC dal 1981.

La siccità nella Pianura Padana minaccia oltre il 30 per cento della produzione agricola nazionale, tra salsa di pomodoro, frutta, verdura e grano, e metà del bestiame del Paese.

Inoltre, questo inverno è stato particolarmente secco, con un terzo di pioggia in meno e una temperatura media di 0.49 ºC sopra la media in tutta la contea. L'aumento è stato ancora più pronunciato al nord, dove la temperatura media è stata di 0.97 ºC sopra la media.

L'analisi si è basata sui dati forniti dalla National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti data center sul clima, che registra le temperature globali dal 1880.

Vedi anche:Il 2021 è stato il quinto anno più caldo della Terra, dicono gli scienziati

Gli agricoltori stanno già avvertendo gli effetti del caldo anomalo poiché vari tipi di frutta e verdura maturano prima del previsto. Asparagi, fragole, piselli, fave, carciofi e zucchine sono già disponibili sugli scaffali del mercato.

"Il caldo fuori stagione sta alterando i cicli colturali tradizionali e provocando un risveglio precoce della natura, con margherite e primule in fiore nei campi e mandorli, albicocche e pesche già in fiore”, ha affermato Coldiretti.

pubblicità

Gli agricoltori italiani temono che i prossimi raccolti di frutta possano essere compromessi da eventi meteorologici estremi, come quelli complicato la vendemmia 2020, poiché queste colture sono particolarmente sensibili ai cambiamenti climatici.

Per peggiorare ulteriormente la situazione, allarme per la siccità è particolarmente grave nelle regioni settentrionali del paese, conosciute localmente come l'Italia "food valley”.

I funzionari stimano che il deficit idrico vada dal 50 per cento al 90 per cento rispetto al 2021, picchi di deficit nelle regioni Piemonte e Veneto.

Vedi anche:I produttori esprimono l'allarme negli ultimi Olive Oil Times Indagine

"La siccità nella pianura padana minaccia oltre il 30 per cento della produzione agricola nazionale, tra cui salsa di pomodoro, frutta, verdura e grano e metà del bestiame del Paese", ha affermato Coldiretti. "Se le condizioni di siccità continuano, gli agricoltori saranno costretti a fornire acqua con irrigazione di emergenza”.

Mentre corsi d'acqua e laghi sono ai livelli più bassi – il livello dell'acqua del fiume Po è sceso in alcuni punti di oltre tre metri – un'altra preoccupazione primaria riguarda le colture seminate in autunno, come l'orzo, il grano e la segale. La mancanza di acqua può compromettere la loro fase di crescita.

Allo stesso tempo, i terreni asciutti e duri potrebbero rendere difficile la semina di mais, girasole e soia, prevista per le prossime settimane, ha aggiunto Coldiretti.

Gli olivicoltori non saranno ancora preoccupati per l'attuale mancanza di pioggia, con la fioritura degli alberi improbabile che avvenga fino ad aprile o maggio. Tuttavia, una primavera più calda del normale sarebbe preoccupante.

Gli ulivi iniziano a fiorire quando le temperature medie giornaliere superano i 20 ºC. Se queste temperature si verificano troppo presto nella stagione, gli alberi sono a rischio gelate tardive primaverili, che uccidono i fiori e significano che non ci sarà frutto.



Olive Oil Times Video Serie

Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti