`I ricercatori trasformano i rifiuti degli uliveti in bioplastica - Olive Oil Times

I ricercatori trasformano i rifiuti degli uliveti in bioplastica

Di Daniel Dawson
Maggio. 28, 2024 11:31 UTC

Ricercatori dell'Università di Jaén e della Fondazione Andaltec hanno prodotto plastica adatta per imballaggi alimentari e usi industriali partendo dagli scarti di potatura degli uliveti.

I ricercatori hanno raffinato la biomassa ottenuta da foglie e rami di olivo in biopolimeri che possono resistere a temperature fino a 300 ºC o 400 ºC, a seconda del tipo di trattamento.

Grazie alla loro elevata resistenza al calore, gli scienziati hanno affermato che i biopolimeri sono un eccellente candidato per l'uso come biofilm nelle applicazioni di imballaggio alimentare.

Vedi anche:I sottoprodotti della molitura delle olive possono migliorare l'alimentazione degli animali

Il composto di interesse in qualsiasi tipo di produzione di bioplastica è la cellulosa in lignocellulosa, composta anche da emicellulosa e lignina. La biomassa dell'olivo contiene tra il 30 e il 40% di cellulosa.

"L'attrattiva [della lignocellulosa] come fonte sostenibile di biomateriali è in gran parte attribuita a diversi fattori come il [suo] basso costo, la disponibilità diffusa e la composizione chimica", hanno scritto i ricercatori nel studio pubblicato sulla rivista scientifica Biofuels, Bioproducts and Biorefining.

Durante la loro indagine, i ricercatori hanno raffinato le fibre della biomassa in polpa di cellulosa e poi l'hanno trasformata chimicamente in acetato di cellulosa. "La produzione di acetato di cellulosa utilizzando questo approccio presenta alcuni vantaggi da diversi punti di vista”, hanno scritto.

I ricercatori hanno sostenuto che la trasformazione dei rifiuti degli uliveti in bioplastica offre vantaggi economici superiori per gli agricoltori rispetto all’utilizzo dei rifiuti per il compostaggio, la produzione di energia o la copertura del suolo.

"Il vantaggio economico è che costituisce un nuovo modo di rivalorizzare la biomassa da potatura dell’olivo che consente di ottenere polimeri ad alto valore aggiunto e molto richiesti dal mercato”, scrivono i ricercatori.

Secondo María Dolores La Rubia, coautrice dello studio e ricercatrice presso il dipartimento di ingegneria chimica, ambientale e dei materiali dell'Università di Jaén, i rifiuti degli uliveti sarebbero anche un'alternativa più economica per i produttori di plastica. La plastica sintetica è ottenuta dalla raffinazione del petrolio greggio, del gas naturale o del carbone.

Vedi anche:I ricercatori studiano le sinergie tra pannelli solari e uliveti

"L'oliveto andaluso potrebbe così diventare il principale fornitore di materie prime per la produzione di bioplastica in Spagna", ha affermato.

Inoltre, i ricercatori hanno sostenuto che la nuova applicazione del sottoprodotto dell'olivicoltura potrebbe ridurne l'impatto ambientale. Secondo alcune stime, le aziende agricole ad alta e altissima densità in Spagna producono ogni anno 30 tonnellate di biomassa da potatura di olivi per ettaro.

"Tradizionalmente, questo residuo viene utilizzato on-site come ammendante del suolo, o nella maggior parte dei casi viene incenerito, aumentando significativamente l'impronta di carbonio dell'industria dell'olio d'oliva ", hanno scritto i ricercatori.

Hanno aggiunto che ulteriori ricerche sull'utilizzo della biomassa della potatura degli olivi come ingrediente nella plastica potrebbero contribuire a creare nuove opportunità commerciali in Andalusia.

"Ci sono vantaggi sociali, dato che ha un forte potenziale per generare nuovi modelli di business, basati sui principi dell’economia circolare, nelle aree agricole del sud della Spagna dove si concentra la coltivazione dell’olivo e che sono, in molti casi, ad alto rischio di spopolamento”, hanno aggiunto.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati