L'app consente ai consumatori di personalizzare il punteggio nutrizionale per gli stili di vita individuali

Il rilascio dell'app coincide con un sondaggio che ha mostrato una forte preferenza dei consumatori per le etichette nutrizionali tradizionali.
Febbraio 10, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Un nuovo sistema mira a riformare il punteggio Nutri sistema di etichettatura front-of-pack (FOPL) e aggiungere opzioni personalizzate alla classificazione degli alimenti.

Disponibile come app per dispositivi Android, myLabel's Nutri-Perso consente ai consumatori di aggiungere alle valutazioni Nutri-Score il proprio profilo, obiettivi in ​​termini di salute e sostenibilità alimentare, età, sesso e stato di salute.

Le etichette colorate non aiutano perché è ovvio che quando vedi il rosso, colpirai i freni.- Andrea Segrè, direttore, Waist Watcher International

Di conseguenza, Nutri-Perso genererà nuovi punteggi per i pacchetti alimentari classificati con punteggio Nutri.

Sviluppato in Francia dal Centro di ricerca per lo studio e l'osservazione delle condizioni di vita e dall'Istituto nazionale dei consumatori, Nutri-Perso consente ai suoi utenti di aggiungere preferenze al cibo al momento dell'acquisto di generi alimentari per evitare tipi specifici di cibo.

Vedi anche:Copertura Nutri-Score

Questi includono filtri contro gli alimenti con troppi additivi, pesticidi o antibiotici e alimenti che danneggiano la biodiversità o alimenta la deforestazione. Promuove inoltre alimenti che garantiscano il benessere degli animali, buone condizioni di lavoro o una retribuzione equa per gli agricoltori.

In una conferenza stampa, Christophe Hurbin, fondatore dell'applicazione myLabel, ha elogiato Nutri-Score come "utile”, ma ha detto che potrebbe rendere il consumatore "sentirsi in colpa” quando si acquistano prodotti con valutazioni scadenti al punto che potrebbero smettere di acquistare quei prodotti.

pubblicità

"Vogliamo apportare sfumature, perché sì, un prodotto potrebbe essere molto dolce, non c'è dubbio, ma possiamo comunque consumarlo [in modo ragionevole]", ha detto.

Alimenti confezionati classificati Nutri-Score a base di sale, zucchero, grassi e contenuto calorico per 100 grammi o millilitri di cibo.

Su questa base, l'algoritmo Nutri-Score assegna un codice colore/lettera al pacchetto, dal sano "Verde A "fino al "Rosso E."

europe-health-news-app-consente-ai-consumatori-di-personalizzare-nutriscore-per-gli-stili-di-vita-individuali-tempi-di-olio-d-oliva

Secondo i creatori di Nutri-Score, confrontare gli alimenti in base a una singola quantità consente ai consumatori di scegliere i migliori prodotti all'interno di una determinata categoria.

Tuttavia, invece di concentrarsi sulla quantità di 100 grammi, Nutri-Perso modifica quella nozione aggiungendo il concetto di "porzione” adattata alle esigenze, al profilo e alle preferenze dell'utente dell'app.

Secondo i suoi creatori, Nutri-Perso porterà via il "senso di colpa” nell'acquisto di alimenti con un punteggio Nutri-Score basso, come cioccolato o formaggi, suggerendo ai propri utenti la quantità da consumare.

Durante la conferenza stampa, Hurbin ha sottolineato come Nutri-Perso non sostituirà Nutri-Score.

Tuttavia, la quantità standard in Nutri-Score è uno dei motivi per cui il sistema di etichettatura è criticato da molte aziende alimentari, come produttori di formaggio in Francia e olive oil proriduttori in Italia e Spagna.

Poiché i suoi punteggi si riferiscono a 100 grammi, produttori come la Confederazione Generale del Roquefort hanno ripetutamente affermato, Nutri-Score non consente ai consumatori di stimare il vero impatto dell'assunzione di cibo in porzioni che potrebbero essere molto più piccole.

Questo sembra anche essere uno dei motivi per cui Nutri-Score non è emerso come sistema di etichettatura preferito dai consumatori in una recente indagine multi-paese condotta dall'osservatorio italiano Waste Watcher International su cibo e sostenibilità.

L'indagine ha tracciato un profilo di base dei consumatori in sette paesi: Spagna, Italia, Germania, Regno Unito, Stati Uniti, Canada e Russia.

In ogni paese sono stati intervistati 1,000 consumatori, sono state quindi analizzate le loro scelte alimentari e le preferenze di etichettatura degli alimenti. Il campione rappresentativo della popolazione è stato selezionato dalla società di ricerche di mercato Ipsos.

europe-health-news-app-consente-ai-consumatori-di-personalizzare-nutriscore-per-gli-stili-di-vita-individuali-tempi-di-olio-d-oliva

"Uno dei risultati più interessanti del nostro studio è una forte preferenza data alle tradizionali etichette nutrizionali che si trovano per lo più sul retro delle confezioni”, Andrea Segrè, professore di politica agraria all'Università di Bologna e direttore scientifico di Waste Watcher International , detto Olive Oil Times.

"Quando confrontato con il Nutri-Score francese o l'italiano Batteria Nutrinform sistema di etichettatura, i consumatori hanno dimostrato che la terza opzione, l'etichetta tradizionale, risulta competitiva", ha aggiunto.

Più specificamente, Nutri-Score nel suo insieme è stato fortemente detestato in paesi ben noti per il loro opposizione alla sua adozione, come l'Italia. Tuttavia, i consumatori non l'hanno apprezzato appieno in altri paesi come Regno Unito, Stati Uniti, Canada e Russia.

I consumatori di Germania, Regno Unito, Russia e Canada hanno preferito Nutrinform Battery rispetto a Nutri-Score. Tuttavia, in diversi paesi, l'etichetta nutrizionale standard è andata ancora meglio.

Il sondaggio ha analizzato in modo approfondito perché ogni etichetta è stata apprezzata o non gradita in ogni paese. È interessante notare che Nutri-Score non è riuscito ad attirare i consumatori in Italia, ma ha comunque superato la batteria italiana Nutrinform per quanto riguarda utilità, potenziale informativo o consapevolezza.

Tra i risultati, Segrè ha evidenziato i modesti risultati dei cosiddetti sistemi di etichettatura degli alimenti a semaforo adottati in diversi paesi.

"È ampiamente adottato nei paesi anglosassoni. Tuttavia, in quei paesi, non sembra essere molto apprezzato dai consumatori", ha affermato.

Secondo lo studio, la maggior parte dei consumatori desidera saperne di più sui prodotti che sta acquistando, comprese informazioni che potrebbero non essere sempre incluse in un punteggio di valutazione posto su una confezione di alimenti.

"Su scala globale, quello che stiamo vedendo è una scarsa educazione alimentare”, ha detto Segrè. "Le etichette colorate non aiutano perché è ovvio che quando vedi il rosso, colpirai i freni. Invece, andrai avanti quando vedrai il verde".

"È semplice, ma è per questo che è sbagliato perché non hai più bisogno di educazione alimentare. Devi solo fidarti di qualunque cosa sia rappresentata dalle etichette", ha aggiunto.

Da cui provengono alcune delle critiche più significative a Nutri-Score olive oil proriduttori. Olio extravergine d'oliva e l'olio d'oliva sono classificati con a "Yellow C” di Nutri-Score, una classificazione media per il loro alto contenuto di grassi.

Secondo alcuni, tra cui Unaprol, l'italiano olive oil producer, Nutri-Score non considera il micronutrienti che conferiscono all'olio extravergine di oliva la sua unicità benefici alla salute. Di conseguenza, molti professionisti nel settore dell'olio d'oliva considerano Nutri-Score punitivo.

Tuttavia, gli architetti del sistema non sono d'accordo con queste affermazioni e insistono che le critiche a Nutri-Score siano spesso fatte senza contesto.

"L'olio d'oliva non è in alcun modo penalizzato da Nutri-Score, ha detto Pilar Galan, ricercatore di epidemiologia nutrizionale presso l'Università della Sorbona Paris Nord Olive Oil Times in una Intervista del 2021. "L'olio d'oliva è classificato C, che è il miglior punteggio per i grassi aggiunti. Questa classifica è pienamente coerente con le raccomandazioni sulla salute pubblica”.

In Italia, Spagna, Canada e Russia, l'indagine Waste Watcher International ha rilevato che quasi la metà dei consumatori intervistati assegnerebbe un "Verde A” all'olio extravergine di oliva. Solo una minoranza in tutti i paesi intervistati classificherebbe l'olio extra vergine di oliva come attualmente valutato da Nutri-Score.

europe-health-news-app-consente-ai-consumatori-di-personalizzare-nutriscore-per-gli-stili-di-vita-individuali-tempi-di-olio-d-oliva

"La realtà è che se c'è una possibile penalità per gli oli d'oliva in Nutri-Score poiché le quantità non vengono considerate ", ha affermato Segrè. "Non ha senso confrontare l'olio extravergine di oliva con bibite gassate zuccherate. Non condireste un'insalata con quelli.

"E non berresti olio d'oliva come fai con un pop ", ha aggiunto. "Sulla base del nostro sondaggio, è possibile che un certo numero di consumatori esposti a Nutri-Score esaminerà la classificazione media di quell'olio extra vergine di oliva e lo comprerà meno di prima. Ancora di più nei paesi in cui la cultura dell'olio d'oliva non è affermata".



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti