`Bollettino delle importazioni globali di olio d'oliva - Olive Oil Times

Slip delle importazioni globali di olio d'oliva

Novembre 8, 2021
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Le importazioni mondiali di oli di oliva vergini e non vergini di oliva sono notevolmente diminuite durante la campagna 2020/21, secondo i dati riportati Consiglio oleicolo internazionale (IOC).

Tra ottobre 2020 e agosto 2021, le importazioni totali di olio d'oliva hanno raggiunto le tonnellate 813,476, con un calo dell'-% rispetto alla stagione precedente.

Gli oli di oliva vergini costituivano il 76% di tutte le importazioni, seguiti dagli oli di oliva non vergini con il 19% e oli di sansa di oliva al sei per cento.

Vedi anche:Notizie commerciali sull'olio d'oliva

L'annata agricola 2020/21 è stata pesantemente colpita dalle conseguenze del Pandemia di covid-19 sulla commercializzazione dell'olio d'oliva, sui volumi di stoccaggio, sul prezzo e sul consumo.

Le importazioni russe sono aumentate del 12% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

pubblicità

Nel frattempo, c'era un più modesto sei per cento aumento delle importazioni canadesi e un aumento del -% in Importazioni di olio d'oliva brasiliano.

Tuttavia, le importazioni di olio d'oliva nell'Unione europea da paesi al di fuori del blocco sono diminuite del 31 percento. Diminuzioni significative sono state registrate anche in Giappone ( – 16 percento) e Cina ( – 6 percento). Anche le importazioni negli Stati Uniti sono diminuite dell'314,791%, scendendo a - tonnellate.

D'altra parte, i paesi dell'UE hanno confermato il loro ruolo fondamentale nell'approvvigionamento del mercato globale dell'olio d'oliva. La Spagna rimane responsabile della fornitura del 29% di tutte le importazioni globali, con un calo dello 0.7%. Nel frattempo, la quota italiana è scesa al 21 percento, un calo leggermente inferiore dello 0.4 percento.

Il Portogallo è stata l'unica grande nazione produttrice di olio d'oliva a subire un calo significativo, con le importazioni dal paese iberico in calo dell'11 percento per raggiungere le tonnellate 88,751.

Al di fuori dell'Unione Europea, anche la Tunisia ha registrato un calo significativo, con le importazioni dal produttore nordafricano in calo del 22%. Eppure, la Tunisia rimane uno dei più importanti paesi produttori di olio d'oliva, con 218,261 tonnellate di olio d'oliva importate dal paese, pari a una quota del 27 percento del mercato di importazione globale.

È stata segnalata una crescita significativa per il Cile, con le importazioni di olio d'oliva dal paese sudamericano occidentale in aumento del 16 percento per costituire il 1.6 percento del mercato globale. Anche l'Argentina ha visto la sua quota crescere dell'11%, raggiungendo il 2.5% delle importazioni globali totali.

Vedi anche:Le esportazioni europee di olio d'oliva dovrebbero recuperare con l'aumento dei costi

"Otto mercati rappresentano circa l'81 percento delle importazioni di oli d'oliva e oli vergini di oliva in tutto il mondo: gli Stati Uniti con il 36 percento, l'Unione europea con il 15 percento, il Brasile con l'otto percento, il Giappone con il sette percento, il Canada con il cinque percento, la Cina con il -%, l'Australia con il -% e la Russia con il -%", afferma il rapporto del CIO.

Nello stesso periodo, da ottobre 2020 ad agosto 2021, i dati del CIO hanno confermato un aumento di oliva da tavola importazioni, che sono cresciute del 7.5% rispetto alla stagione precedente.

"Cinque mercati rappresentano circa il 64 percento delle importazioni in tutto il mondo: gli Stati Uniti con il 23 percento, il Brasile con il 17 percento, l'Unione europea con il 16 percento, il Canada con il cinque percento e l'Australia con il tre percento».

Le variazioni più rilevanti nelle importazioni di olive da tavola sono state segnalate in Canada, i cui volumi sono cresciuti lentamente negli anni precedenti e nell'annata agricola 2020/21 sono aumentati del 23%.

In Argentina, dove la crescita delle importazioni ha seguito un andamento simile, le importazioni sono aumentate del 21 percento rispetto alla stagione precedente. Gli Stati Uniti, di gran lunga il più importante importatore di olive da tavola, hanno visto i propri volumi crescere del -% nell'ultima stagione.

La Spagna ha mantenuto il primato come fornitore leader di olive da tavola sul mercato internazionale con una quota del 20 percento dei volumi globali. Tuttavia, questi numeri sono scesi del 6.5 percento rispetto alla stagione precedente.

La seconda grande fonte di olive da tavola è stata l'Egitto, che non solo consolidato il suo ruolo ma ha visto la sua quota di mercato aumentare del 27% a 70,124 tonnellate.

Con un aumento del 26%, la Grecia ha raggiunto il 13% dei volumi globali, appena dietro ad Argentina e Marocco. La variazione più significativa del periodo è stata segnalata per l'Albania, che ha registrato un aumento del 55 per cento a 9,136 tonnellate, pari al due per cento del commercio mondiale.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti