La scoperta di nuove varietà di olivo in Italia stimola lo sviluppo dell'app

Un'analisi del Centro Nazionale delle Ricerche ha individuato a Frosinone due cultivar precedentemente sconosciute.

(Foto: Pierluigi Turchetta)
Di Paolo DeAndreis
5 giugno 2024 00:28 UTC
590
(Foto: Pierluigi Turchetta)

Sono state scoperte due cultivar di olivo precedentemente sconosciute Frosinone, provincia del Lazio centrale.

Il laboratorio del Centro Nazionale delle Ricerche (CNR) ha analizzato diversi campioni di alberi e ha confermato che il loro DNA non corrisponde ad alcuna varietà conosciuta elencata nel database IBBR-CNR di Perugia.

Abbiamo assaggiato l'olio d'oliva prodotto da questi alberi con esperti assaggiatori e ne abbiamo trovato la qualità davvero interessante. Quindi, abbiamo già investito nella loro propagazione.- Pierluigi Turchetta, olivicoltore di Frosinone

Il database comprende più di 5,000 profili genetici e un archivio con più di 10,000 campioni.

Le analisi del CNR hanno indicato che le due cultivar ritrovate potrebbero essere geneticamente correlate a cultivar del Veneto, una regione dell'Italia settentrionale, in particolare alla varietà Favarol.

Vedi anche:Olive con contenuto di fenoli più elevato più resistenti all'antracnosi

"Sono alberi originari della nostra regione e che qui prosperano da secoli”, racconta Pierluigi Turchetta, l'olivicoltore che ha scoperto le nuove varietà Olive Oil Times.

Ha aggiunto che la scoperta non lo ha sorpreso. "Stavamo cercando specificamente cultivar di olivo autoctone nella nostra regione perché sospettavamo che alcuni alberi non appartenessero alle cultivar tipiche qui ", ha affermato Turchetta. "Tuttavia non potevamo esserne certi”.

"Abbiamo deciso di inviare quattro campioni al laboratorio specializzato del CNR», ha aggiunto. "Due campioni hanno rivelato la natura unica di almeno alcuni dei nostri alberi”.

Mentre sono necessari ancora alcuni passi per includere formalmente queste varietà nell'elenco ufficiale delle cultivar di olivo italiane, i coltivatori locali sperano che questa scoperta possa creare una nuova area per la produzione di olio d'oliva di origine certificata.

Tali indicazioni geografiche sono fondamentali per le certificazioni di Indicazione Geografica Protetta (IGP) dell'Unione Europea, che collegano il cibo alla sua zona di produzione unica e aumentano il valore dei prodotti locali.

Recentemente, i ricercatori ne hanno trovati 21 precedentemente sconosciuti varietà di olivo a Capri, un'isola punteggiata di ulivi fin dall'antichità.

"La biodiversità dell'olivo ha un valore significativo dal punto di vista ambientale ed ecologico ", ha affermato Thomas Vatrano, assaggiatore e agronomo di olio d'oliva. "Interagisce dinamicamente con tutti gli organismi viventi in un territorio, facendolo prosperare”.

Secondo Vatrano, olivo la biodiversità è fondamentale in tempi di cambiamento climatico. "Guarda l'Italia meridionale, dove uno stress idrico prolungato incide ogni anno sulla qualità dell'olio d'oliva ", ha affermato.

"Gli antichi uliveti in regioni come la Calabria fungono da guardiani di questi territori e resistono bene alla siccità, offrendo una strategia per mitigare il cambiamento climatico ", ha aggiunto Vatrano.

Gli alberi con elevata adattabilità ai climi rigidi possono anche fornire preziose informazioni sulla prevenzione della diffusione di malattie emergenti.

varietà-business-europa-scoperta-di-nuove-varietà-di-oliva-in-italia-spurs-app-sviluppo-olive-oil-times

(Foto: Pierluigi Turchetta)

"Il bacino del Mediterraneo è la più grande area olivicola a livello globale ", ha affermato Vatrano. "La scelta rischiosa delle varietà per resa in olio o per esigenze di mercato ha portato all’abbandono delle varietà autoctone a favore di quelle straniere o nazionali”.

"Questa perdita di biodiversità può fare la differenza nelle strategie di resistenza contro nuovi agenti patogeni o parassiti”, ha aggiunto.

Vatrano ha sottolineato che la scoperta di nuove varietà di olivo in Italia continuerà.

"L'Italia detiene circa il 30% del germoplasma olivicolo mondiale ", ha affermato. "Il numero di varietà è sottostimato, poiché individui sconosciuti vengono spesso scoperti attraverso le moderne tecniche di biologia molecolare”.

Secondo Turchetta, le varietà appena scoperte potrebbero dare risultati significativi per gli olivicoltori.

"Abbiamo assaggiato l'olio d'oliva prodotto da questi alberi con assaggiatori esperti e abbiamo trovato la qualità davvero interessante ", ha affermato. "Pertanto, abbiamo già investito nella loro propagazione”.

"Attualmente stiamo piantando centinaia di alberi, con 600 giovani ulivi per ogni cultivar ”, ha aggiunto Turchetta.

Turchetta sta inoltre sviluppando un'app mobile che utilizza l'intelligenza artificiale per identificare rapidamente cultivar specifiche.

"Con un team di giovani programmatori, abbiamo sviluppato un'app in grado di identificare gli ulivi ", ha affermato. Può indicare, ad esempio, 'questo olivo sembra essere un Leccino con un livello di confidenza, diciamo, dell'80%."

Sebbene l'analisi genetica molecolare sia necessaria per risultati completi, Turchetta ha affermato che l'app affronta una domanda comune tra gli olivicoltori.

"L'App Olivamea è disponibile in versione beta per Android, a breve seguirà quella per iPhone, con lancio ufficiale fissato per il 21 giugnost, "Ha detto.


Condividi questo articolo

pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati