Conseguenze del cambiamento climatico sempre più sentite dagli olivicoltori croati

La siccità, gli incendi e l'innalzamento del livello del mare minacciano gli uliveti in tutta la Croazia.
Novembre 17, 2022
Nedjeljko Jusup

Notizie recenti

Il sempre più pronunciato effetti del cambiamento climatico stanno avendo un impatto negativo sull'olivicoltura croata, secondo i ricercatori dell'Università di Zagabria.

Lidija Srnec, meteorologa e capo del dipartimento di monitoraggio del clima dell'università, ha affermato che il cambiamento climatico in Croazia ha portato a ondate di calore che diventano più frequenti e durano più a lungo.

Non siamo ancora arrivati ​​al punto di non ritorno, ma servono accordi il prima possibile.- Julije Domac, consigliere clima ed energia del presidente croato

Ha aggiunto che almeno tre ondate di caldo quest'estate hanno colpito la siccità a lungo termine del paese e hanno esacerbato a gran numero di incendi.

Secondo i funzionari dei vigili del fuoco del paese, la Croazia ha subito 14,241 incendi nei primi 10 mesi del 2022, un aumento del 47% rispetto allo stesso periodo del 2021.

Vedi anche:Nonostante la siccità, la Croazia gode di un raccolto fruttuoso

Inoltre, la quantità di terra bruciata dagli incendi ha raggiunto i 56,540 ettari, con un aumento del 135% rispetto allo scorso anno.

Gli uliveti in Istria e Dalmazia, le due regioni olivicole più significative del paese, sono stati tra le aree bruciate quest'anno.

pubblicità

Oltre alla siccità e agli incendi, c'è ancora maggiore preoccupazione per l'innalzamento del livello del mare nell'Adriatico. Secondo i modelli esistenti, l'Adriatico potrebbe salire da 32 a 65 centimetri entro la fine del secolo.

"Non abbiamo ancora raggiunto il punto di non ritorno, ma sono necessari accordi il prima possibile", ha dichiarato Julije Domac, consigliere per il clima e l'energia del presidente croato.

Ha aggiunto che sfide significative attendono i leader globali alla COP27 in Egitto mentre cercano di mitigare gli impatti del cambiamento climatico e limitare l'aumento delle temperature globali a 1.5 ºC rispetto alla media pre-industriale.

Se il livello del mare si alza di mezzo metro, la Croazia perderà più di 100 milioni di metri quadrati di costa. Sarebbero a rischio anche più di una dozzina di città e aree urbane sulle isole costiere della Croazia e sulla terraferma, inclusa Spalato, la seconda città più grande del Paese.

Insieme alle isole e alle città costiere, sarebbero a rischio anche importanti aree agricole della costa, tra cui la valle del fiume Neretva e la pianura di Ravni Kotari, che ospitano molti uliveti.

I funzionari hanno avvertito il danno a olive oil prola riduzione sarebbe incommensurabile. Inoltre, hanno aggiunto che la perdita di ulivi potrebbe aggravare ulteriormente il problema, come è noto che gli alberi siano significativi pozzi di carbonio.

"Alcuni studi affermano che siamo il terzo paese europeo più esposto [agli impatti del cambiamento climatico]", ha affermato Domac. "Pertanto, la Croazia deve lavorare sodo, principalmente sull'adattamento ai cambiamenti climatici".

Mirko Orlić, geofisico presso l'Accademia croata delle scienze e delle arti, ritiene che questa urgenza debba essere pienamente manifestata dai leader croati e globali in Egitto.

"Due cose rimangono indefinite", ha detto. "Il primo è ciò che ogni paese deve fare per raggiungere l'obiettivo da 1.5 a 2 gradi. Il problema è che non è mai stato concordato di verificare se gli obiettivi vengono raggiunti. Quindi ci sono promesse, ma non esiste un meccanismo di verifica”.


Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti