`La Banca di Spagna attribuisce l'inflazione in corso all'impennata dei prezzi dell'olio d'oliva - Olive Oil Times

La Banca di Spagna attribuisce l'inflazione in corso all'impennata dei prezzi dell'olio d'oliva

Di Daniel Dawson
25 giugno 2024 12:45 UTC

I funzionari della Banca di Spagna hanno detto alto prezzi dell'olio d'oliva sono uno dei motivi per cui l’inflazione, soprattutto quella alimentare, rimane più elevata in Spagna che altrove in Europa.

Secondo i dati pubblicati dalla banca, l'indice dei prezzi al consumo spagnolo – una media ponderata del prezzo dei beni di consumo e dei servizi acquistati dalle famiglie – è aumentato al 3.8% su base annua a maggio.

Stiamo consumando di più tra gli alimenti che aumentano maggiormente (di prezzo), e possiamo individuarne uno: l'olio d'oliva.- Ángel Gavilán, direttore economico della Banca di Spagna

Insieme al Portogallo, la Spagna ha il quinto tasso di inflazione più alto nell’Unione Europea e il terzo tra i paesi che utilizzano l’euro. L'indice dei prezzi al consumo nei 27 membri del blocco è salito al 2.6% a maggio.

L’inflazione alimentare è particolarmente elevata, in leggero aumento rispetto allo scorso anno al 4.6%, ben al di sopra della media dell’Unione Europea pari all’1.6%. Gli economisti della Banca di Spagna sostengono che l'aumento dei prezzi dell'olio d'oliva al dettaglio è il principale responsabile.

Vedi anche:I prezzi record dell’olio d’oliva guidano l’inflazione alimentare in Grecia

"Stiamo consumando di più tra gli alimenti che aumentano di più [di prezzo], e possiamo individuarne uno: l'olio d'oliva", ha affermato Ángel Gavilán, direttore dell'Economia e delle statistiche della Banca di Spagna, durante una presentazione delle previsioni macroeconomiche dell'organizzazione. .

"Non solo consumiamo più che in Europa, ma è uno dei beni che è aumentato di più e spiega la metà del differenziale”, ha aggiunto.

Secondo l'Organizzazione spagnola dei consumatori e degli utenti (OCU), un osservatorio dei prezzi al consumo senza scopo di lucro, i prezzi dell'olio d'oliva sono aumentati tra il 23 e il 2023% nei supermercati più famosi del paese tra dicembre 2024 e aprile -.

I dati di NielsenIQ, una società di ricerche di mercato, mostrano che i prezzi dell'olio d'oliva al dettaglio sono aumentati di circa il 62% da maggio 2023 a maggio 2024.

"Per il primo trimestre del 2024 gli esperti parlavano di un proseguimento degli aumenti e le previsioni sono state soddisfatte”, ha scritto la “Chiesa ortodossa dell’Ucraina”. "Per la seconda metà del 2024 annunciano il mantenimento dei prezzi fino a giugno e poi, in caso di pioggia (cosa che è accaduta), un calo dei prezzi”.

I dati di Infaoliva mostrano che i prezzi dell'olio d'oliva all'origine sono 7.485 euro al chilogrammo, con un aumento del 23% rispetto a giugno 2023.

Per contribuire ad alleviare il peso dell'inflazione alimentare spagnola, superiore alla media, il governo ha annunciato l'intenzione di estendere l'eliminazione dell'imposta sul valore aggiunto (IVA), che è simile all'imposta sulle vendite.

La esenzione attuale, entrata in vigore all'inizio del 2023, ha eliminato l'IVA sui beni di prima necessità, tra cui pane, farina, latte, formaggi, uova, frutta, verdura, legumi, tuberi e cereali. All’inizio del 2024 si sono aggiunti all’elenco l’olio d’oliva e la pasta.

Prima di essere incluso nell'elenco dei prodotti di base, l'IVA sull'olio d'oliva è stata ridotta dal 2023% al -% nel -, cosa che i sostenitori dei consumatori avevano accuratamente previsto sarebbe stata insufficiente per frenare l'aumento dei prezzi.

Il Congresso dei Deputati spagnolo deve approvare la proroga delle misure affinché rimangano in vigore. L'Autorità Indipendente per la Responsabilità Fiscale ha rilevato che nei 18 mesi trascorsi dalla loro entrata in vigore, l'eliminazione e le riduzioni dell'IVA sono costate al governo più di 1 miliardo di euro.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati