`Non tutte le buone notizie all'incontro annuale del gruppo dell'olio d'oliva italiano - Olive Oil Times

Non tutte le buone notizie all'incontro annuale del Gruppo italiano olio d'oliva

Giu. 16, 2010
Lucy Vivante

Notizie recenti

Di Lucy Vivante
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da Roma

ASSITOL, l'Associazione dell'industria petrolifera italiana Olio d'oliva e Pomace Oil Group ha tenuto il suo incontro annuale oggi a Roma e il principale asporto è che il "La campagna "Made in Italy" non aiuta le vendite di olio d'oliva. Sono i bassi prezzi degli adesivi a risuonare con i consumatori di tutto il mondo. Hanno condiviso i dati accumulati tra novembre 2008 e ottobre 2009 e per i 12 mesi del 2009. L'associazione ha presentato numeri leggermente più incoraggianti per quest'anno.

I membri dell'associazione, che rappresentano l'imbottigliamento / vendita all'ingrosso / distribuzione del 90% dell'olio d'oliva italiano, hanno riferito che le vendite interne di olio d'oliva (da extravergine a sansa) sono diminuite del 10.6% e le vendite all'esportazione sono diminuite del 9.3%. I numeri depressi sono stati in parte attribuibili a un importante membro ASSITOL che ha deciso di rinunciare alla compilazione dei rapporti mensili necessari per il monitoraggio. Ci sono stati alcuni numeri positivi in ​​segmenti di nicchia come DOP / IGP, dove c'è stato un aumento del 14%, sebbene questo segmento sia piccolo, rappresentando solo circa il 6% del mercato complessivo dell'olio di oliva / sansa monitorato da ASSITOL. I primi mesi di quest'anno, ad aprile, hanno visto un lieve aumento, rispetto al periodo di riferimento precedente, sia nel mercato interno che in quello di esportazione. Il mercato delle esportazioni di olio d'oliva italiano è aumentato dello 0.3% rispetto a un aumento inquietante del 18% da parte degli esportatori spagnoli finora quest'anno.

Alcuni altri gruppi di interesse sull'olio d'oliva, ma non ASSITOL, prevedevano che le nuove norme di etichettatura dell'UE con i dati di paese e regione di origine avrebbero aumentato le vendite di olio d'oliva italiano. ASSITOL ritiene di aver aumentato i costi di produzione solo aumentando i livelli di scartoffie e di obblighi di comunicazione elettronica, non solo per l'UE, ma ancor più onerosamente per conformarsi alle normative italiane.

Numeri particolarmente che fanno riflettere sull'export italiano negli Stati Uniti. Nel 2003, il 63% dell'olio d'oliva importato negli Stati Uniti era di produzione italiana. Nel 2009 l'olio d'oliva italiano rappresenta il 56% delle importazioni. Paesi come la Spagna, la Tunisia e altri paesi emergenti si sono fatti strada nel mercato statunitense, principalmente perché il loro petrolio è più economico. La quota della Tunisia è cresciuta più rapidamente. Nel 2009, l'olio d'oliva tunisino rappresentava il 16% delle importazioni statunitensi, un sorprendente aumento dal 7% nel 2003.

In assemblea i membri di ASSITOL hanno votato all'unanimità un nuovo Presidente. Mario Ambrosi sostituirà Leonardo Colavita del noto marchio di olio d'oliva Colavita. Il signor Ambrosi è direttore commerciale di Bunge, Italia. Bunge è un gigante delle materie prime e leader nella lavorazione dei semi oleosi.

Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti