`Grossisti spagnoli: non incolpateci per la crisi dell'olio d'oliva - Olive Oil Times

Grossisti spagnoli: non incolparci per la crisi dell'olio d'oliva

Marzo 14, 2011
Julie Butler

Notizie recenti

I potenti grossisti alimentari spagnoli hanno reagito alle affermazioni che stanno causando la crisi dei prezzi dell'olio d'oliva nel paese.

I coltivatori ei produttori incolpano questi gruppi di distribuzione per aver consentito ai supermercati di sottovalutare l'olio d'oliva come esca per i consumatori, minando il suo prestigio e peggiorando la situazione già precaria del settore.

Ma in un articolo sul giornale Giornale di Siviglia, i distributori dicono che la tensione sui prezzi non è colpa loro, anche se ammettono che l'olio d'oliva - un alimento base nelle cucine spagnole - si presta alle guerre dei prezzi.

Gli esperti di vendita al dettaglio dicono che l'acquirente medio non guarda il costo di ogni prodotto che ha messo nel carrello. Hanno un'idea del probabile totale alla cassa, ma conoscono solo i prezzi individuali per alcuni dei loro acquisti. In Spagna, uno di questi prodotti è l'olio d'oliva: i consumatori notano il prezzo al litro.

Non sorprende quindi, riferisce il giornalista locale Tomás Monago, che l'olio d'oliva sia ampiamente utilizzato come leader di perdita, soprattutto in un momento di diminuzione della spesa dei consumatori.

pubblicità

Associazione nazionale produttori, imballatori e raffinatori di oli alimentari (Anierac) sottolinea che tali vendite ripetute in perdita sono vietate in Spagna. Il presidente dell'Anierac Pedro Rubio ha affermato che, mettendo da parte la questione delle scappatoie in questa legge, era semplicemente buon senso che la guerra dei prezzi non potesse continuare.

Ma le associazioni che rappresentano il settore della distribuzione (ACES, Asedas e Anged) negano categoricamente di essere i colpevoli.

Aurelio del Pino, direttore generale di ACES (che copre le principali catene di supermercati tra cui Dia, Eroski e Lidl) ha affermato che è stato facile verificarlo esprimendo i loro conti. Ha affermato che non è mai stata dimostrata alcuna richiesta di sottovalutazione nei confronti del settore.

Un altro rappresentante della distribuzione ha affermato che la compressione dei prezzi ha aiutato la Spagna ad assorbire livelli estremamente alti di produzione interna negli ultimi anni.

E Ignacio García Magarzo, direttore generale di Asedas (un'associazione spagnola di distributori e supermercati), ha affermato che sono stati i consumatori a ridurre i prezzi. "Ciò che era solito determinare i prezzi dei prodotti non erano i prodotti stessi, ma ciò che il cliente era disposto a pagare, e forse i clienti sono passati a marchi più economici e hanno scoperto che c'è poca differenza reale. "

Nelle ultime settimane, e con la mediazione del Ministero dell'Ambiente spagnolo, vari membri del settore si sono incontrati per discutere le riforme tra cui un codice di condotta e un sistema di approvazione dei contratti.

Jósé Vázquez, dell'associazione agricola Asaja, afferma che la maggior parte dei produttori è sotto-capitalizzata e registra una perdita media di € 750 ($ 1043) per ogni 1500 kg di olio d'oliva che producono.

Il 18 marzo è stato fissato come un giorno di protesta da parte delle associazioni di coltivatori, produttori e cooperative nella loro spinta per prezzi più equi e affinché la Commissione europea attui le disposizioni in materia di stoccaggio privato.

Il signor del Pino ha detto che la migliore soluzione ai problemi del settore è stata la differenziazione, che il settore della distribuzione stava già perseguendo. Ciò significherebbe sviluppare un mercato come quello del vino, dove i consumatori apprezzano la qualità e sono abituati a una diversità di varietà e origine.

Un produttore andaluso ha dichiarato di ritenere che la crescita del mercato di esportazione sia stata la principale speranza in quanto i consumatori spagnoli non erano molto esigenti. "Le persone sanno molto poco del gusto di diverse varietà, come Picual, Arbequina e Hojiblanca. "



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti