Le nuove politiche agricole sostenibili dell'Europa renderanno gli alimenti ancora più costosi, avvertono gli agricoltori

Gli agricoltori e le cooperative sono a disagio per la nuova politica dell'Unione Europea volta a una produzione alimentare sostenibile e ai suoi effetti sui prezzi.
Febbraio 7, 2022
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

Gli agricoltori e le cooperative agricole sono preoccupati per le conseguenze indesiderate dei piani dell'Unione Europea per un sistema di produzione alimentare più sostenibile.

Le proposte sono in linea con quelle del blocco dei 27 membri Affare verde, che mira a migliorare la salute e il benessere dei cittadini fornendo cibo sano e conveniente e con un impatto ambientale minimo.

Poiché la PAC è stata progettata, gli strumenti di mercato sono insufficienti e l'agricoltore che vive dell'attività agricola non avrà la priorità nella distribuzione degli aiuti.- Andoni Garcia, COAG

Inoltre, per combattere cambiamento climatico, l'UE cerca di farlo ridurre le emissioni di gas serra di circa il 55% entro il 2030 e raggiungere emissioni nette di carbonio pari a zero entro il 20250.

Secondo i loro sostenitori, l'UE Politica agricola comune e Strategia dalla fattoria alla tavola sono progettati per aiutare il blocco a raggiungere questi obiettivi entro la fine del decennio.

Vedi anche:Meno sostegno ai coltivatori tradizionali spagnoli nella nuova PAC, avverte l'esperto

Tra i loro inquilini chiave stanno aumentando la quantità di terra dedicata alla produzione biologica, riducendo del 20% l'uso di fertilizzanti a base petrolchimica e riducendo al minimo del 50% gli antibiotici nell'allevamento animale.

Tuttavia, gli agricoltori e le organizzazioni agricole si sentono trascurati da queste proposte, che secondo i critici stanno aggiungendo i costi di produzione a un'azienda che già opera con margini ridotti.

pubblicità

Secondo Ignacio López, direttore delle relazioni internazionali presso l'Associazione dei giovani agricoltori e allevatori (Asaja, con le sue iniziali spagnole), le cooperative hanno adottato il 'attendi e vedrai' posizione.

Tuttavia, ha aggiunto che se queste proposte diventeranno vincolanti, probabilmente avranno a "impatto non molto incoraggiante” sul settore agricolo.

López prevede che il costo della produzione alimentare aumenterà e che i consumatori dovranno scavare più a fondo nelle proprie tasche per acquistare cibo.

Ha aggiunto che esiste il rischio che gli agricoltori locali si trovino di fronte alla concorrenza sleale di paesi al di fuori della regione in cui questi requisiti non esistono e gli Stati dell'UE, a loro volta, diventino dipendenti dalle importazioni.

Nell'ultima iterazione della PAC, che era recentemente approvato dal Parlamento europeo per il periodo dal 2023 al 2027, l'UE ha cercato di rendere il settore agricolo più sostenibile, più sano e rispettoso dell'ambiente.

Tuttavia, López ha affermato che questi requisiti richiedono digitalizzazione e tecnologie all'avanguardia, come sensori e droni, per rendere l'agricoltura di precisione una realtà e utilizzare in modo efficiente le risorse naturali.

Ciò significa che i membri dell'UE, come la Spagna, dovranno stanziare più fondi per sviluppare la capacità di competere sui mercati internazionali.

Andoni García, membro dell'esecutivo del Coordinatore delle organizzazioni agricole e zootecniche (COAG), un'unione di agricoltori, ha affermato che gli Stati membri devono apportare molti cambiamenti per raggiungere l'ultima serie di obiettivi dell'UE. Questi includono una nuova politica dei prezzi e un sostegno finanziario ai produttori per riflettere il costo di produzione e proteggersi dall'esternalizzazione.

"Poiché la PAC è stata progettata, gli strumenti di mercato sono insufficienti e l'agricoltore che vive dell'attività agricola lo farà non essere prioritario nella distribuzione degli aiuti”, ha detto García.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti