`Centinaia di ulivi autoctoni bruciati negli incendi del Belucistan - Olive Oil Times

Centinaia di ulivi autoctoni bruciati negli incendi del Belucistan

Giu. 10, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

I funzionari pakistani faticano a stimare l'intera portata del danni causati da estesi incendi, che ha bruciato centinaia di migliaia di alberi nella catena montuosa di Koh-e-Sulaiman nella regione del Belucistan occidentale.

L'incendio ha devastato quella che molti considerano la più grande foresta di pinoli chilgozha del mondo. Fonti locali ritengono che almeno il 40 per cento di quella foresta sia stata bruciata.

Con esso anche molti ulivi furono distrutti dalle fiamme. Fonti locali hanno aggiunto che la crisi economica causata dalla devastazione si farà sentire per generazioni.

Vedi anche:Gli eventi meteorologici estremi stanno peggiorando, influendo sulla disponibilità di cibo, i risultati dei rapporti

Esperti locali intervistati dalla rivista TheDawn hanno avvertito che la prolungata siccità combinata con a record di ondata di caldo ha innescato il grande incendio.

Kamran Hussain, un ricercatore del World Wildlife Fund, ha affermato che la stagione degli incendi in Pakistan è iniziata prima del solito a causa di ciò cambiamento climatico.

pubblicità

"Il caldo torrido risucchia tutta l'acqua dalla vegetazione lasciandola asciutta e aumentando le possibilità di incendi", ha affermato.

Il governo pachistano ha confermato che tre persone sono state uccise mentre cercava di fermare le fiamme.

L'incendio si è diffuso dai boschi vicini a Koh-e-Sulaiman, un parco nazionale d'alta quota considerato un ambiente unico per molte specie di flora e fauna. Lì, le fiamme sono state alimentate dai forti venti.

Gli esperti locali ritengono che la devastazione causata dall'incendio avrà un grave impatto sui mezzi di sussistenza dei residenti della zona, molti dei quali sono coinvolti in attività legate alla silvicoltura. La foresta di Shirani si estende per circa 260 chilometri quadrati e rappresenta un'ampia porzione della foresta del Belucistan, coprendo circa l'1.4% della regione.

I media hanno anche indicato che ben 800 ulivi sono stati distrutti dagli incendi nella storica foresta di Musakhail, che ospita ulivi da 500 anni.

Il governo pakistano ha identificato la regione per il espansione degli uliveti del paese a causa del clima appropriato e delle opportunità economiche che la coltivazione dell'olivo dovrebbe portare nell'area.

Muhammad Yahya, il coordinatore provinciale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, ha detto a TheDawn che quanto accaduto nel parco potrebbe essere tutt'altro che finito.

"Ci sono ancora alberi che stanno bruciando e da loro continuano a eruttare scintille di fuoco”, ha detto. "Gli alberi stanno spegnendo le loro fiamme, mettendo a rischio l'altra vegetazione. E questo aumenta la minaccia che un altro incendio scoppi nella foresta se non contenuto in tempo”.

L'incendio che ha colpito il Belucistan è un evento significativo in un paese in cui gli incendi bruciano regolarmente durante la stagione secca. I vigili del fuoco sono recentemente riusciti a controllare un incendio in una fascia di foreste nel nord del Pakistan, vicino alla capitale del paese, Islamabad.

Altri incendi sono stati segnalati nelle ultime settimane sulle montagne del distretto di Swat, appena a nord della capitale. Secondo AryNews, un media locale, questo incendio ha richiesto più di una settimana per essere ridotto e quattro persone sono morte.

L'osservatorio internazionale Global Forest Watch stime che dal 2001 al 2021 il Pakistan ha perso 9,750 ettari di copertura arborea, pari a una diminuzione dell'1% dal 2000.

"Il Pakistan è già un paese povero di foreste poiché solo il 4.8% della sua terra è coperto da foreste", ha scritto TheNews, un altro media locale, in un editoriale.

"La media globale è del 31%. Anche i paesi dell'Asia meridionale come l'India, il Bangladesh e lo Sri Lanka hanno il 24%, il 14% e il 34% della loro superficie coperta da foreste e piante", hanno aggiunto.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti