`Il gruppo Ayvalık chiede investimenti nel settore olivicolo turco - Olive Oil Times

Il panel Ayvalık chiede investimenti nel settore olivicolo della Turchia

Novembre 6, 2014
Özlem Burcu Öztürk

Notizie recenti

Il presidente di QvExtra Soledad Serrano (al centro) e Manuel Heredia Halcón (a destra) hanno preso parte a una tavola rotonda al 10th Giorni del raccolto di Ayvalık

Nel pannello che si è svolto al 10th Giornate della raccolta delle olive di Ayvalık, sono stati discussi l'aumento del consumo interno e i problemi nella produzione di olive e olio d'oliva.

Al Centro Culturale Cunda, si è riunito un pannello sul tema "l'olio d'oliva ti lega alla vita ”, organizzato. Namık Kemal Nazlı, governatore di Ayvalık,

Al panel hanno partecipato funzionari locali e rappresentanti del settore olivicolo provenienti da Spagna, Grecia, Italia, Marocco e Giordania.

Neşet Akkoç, vice segretario del ministero delle dogane e del commercio, ha indicato che negli ultimi 10 anni il consumo di olio d'oliva è passato da 900 grammi a 2 chilogrammi pro capite in Turchia.

Per quanto riguarda l'export, da maggio 2014 ci sono state presentazioni in paesi come Giappone, Cina, Canada, Brasile e USA. Akkoç ha detto che la Turchia ha solo il 4 per cento del mercato mondiale dell'olio d'olivae questo non è abbastanza. Ha sottolineato che i produttori dovrebbero unirsi, stabilire un marchio e trovare nuovi mercati.

Il moderatore del panel Ümmühan Tibet, presidente della National Olive & Olive Oil Union, ha affermato che entro il 2023 la Turchia punta a raggiungere il secondo posto nell'esportazione, dietro solo alla Spagna.

pubblicità

Il presidente del consiglio della Camera di commercio di Ayvalık, Benhan İbrahim Kantarcı, ha affermato che il suo obiettivo era rendere le Giornate del raccolto un evento internazionale e quest'anno è stato raggiunto. Ora, la priorità è aumentare il consumo di olio d'oliva a 3 litri e far conoscere l'olio d'oliva turco nel mondo.

Distretti come Ayvalık, Edremit, Gemlik, Burhaniye, Didim si unirono al Rete di città nel Mediterraneo per l'olio d'oliva (Re.COMed) che è stata fondata in Spagna e aveva paesi membri 13, tra cui la Turchia.

Elisa Scuto, segretaria generale di Re.COMed, ha fornito informazioni sul sindacato che si è adoperato per il riconoscimento dell'olivicoltura nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO.

Il pannello ha anche discusso una proposta di legge mineraria che sanzionerebbe il distruzione di oliveti in Turchia. "La campagna "Olive is the life" per fermare la misura ha raccolto finora 156,000 firme.

Soledad Serrano, presidente di QvExtra Internazionale, un'organizzazione senza scopo di lucro con lo scopo di promuovere l'alta qualità dell'olio d'oliva e far agire i produttori all'unisono, ha lamentato che i produttori di olive stanno diventando ogni giorno più poveri in Spagna, il leader mondiale olive oil produtrice.

Gürkan Renklidağ, presidente di Aegean Exporters of Olive & Olive oil union, ha ribadito le richieste del suo gruppo di incentivi per la produzione di olive da tavola allo scopo di migliorare l'industrializzazione e l'imballaggio del prodotto.

Renklidağ ha aggiunto che il sindacato ha preparato annunci televisivi pubblici per sensibilizzare la Turchia e ha indicato che l'investimento della Turchia in olive e olio d'oliva è un investimento per il futuro del paese.


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti