`L'Andalusia chiede più fondi per i produttori di olio d'oliva e di olive da tavola in una nuova politica - Olive Oil Times

L'Andalusia richiede più fondi per i produttori di olio d'oliva e di olive da tavola in una nuova politica

Giu. 2, 2022
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

Il ministro andaluso dell'agricoltura, dell'allevamento, della pesca e dello sviluppo sostenibile Carmen Crespo ha chiesto al governo nazionale di pensare fuori dagli schemi in modo che l'olio d'oliva e produttori di olive da tavola non sono "le prossime grandi vittime” del Politica agricola comune (CAP).

La richiesta è stata presentata dal ministro regionale in occasione dell'apertura del Primo Congresso delle cooperative di olivi da tavola a Siviglia, capitale dell'Andalusia.

In Andalusia, siamo impegnati in un piano strategico nazionale per la PAC che sia semplice e fattibile.- Carmen Crespo, ministro andaluso dell'agricoltura, dell'allevamento, della pesca e dello sviluppo sostenibile

"Abbiamo l'opportunità in Spagna di elaborare un piano strategico nazionale [per la PAC] che risponda alle esigenze di questi settori", ha affermato. "Il [ministero dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione] ha ancora l'opportunità di risolvere questa situazione affrontando le preoccupazioni espresse dall'Andalusia".

Crespo ha aggiunto che sperava che il aiuti agli olivicoltori tradizionali annunciato dal ministro dell'Agricoltura Luis Planas "è abbastanza ampio da coprire l'intero settore andaluso". Ha inoltre affermato che ora è il momento giusto per fornire aiuti specifici ai produttori di olive da tavola.

Vedi anche:Lo studio rivela gli impatti dei cambiamenti climatici sul settore olivicolo spagnolo

Insieme all'olio d'oliva, "L'Andalusia è il principale produttore di olive da tavola "a livello globale, ha aggiunto Crespo. Nella campagna 2021/22, la comunità autonoma ha prodotto 546 milioni di chilogrammi di olive da tavola, che rappresentano il 19% della produzione globale e il 73% della produzione spagnola.

I suoi commenti arrivano meno di un mese dopo l'Associazione dei giovani agricoltori e allevatori (Asaja) ha criticato il ministero dell'agricoltura spagnolo piano di aiuti finanziari rivisto per gli olivicoltori tradizionali. L'associazione ha affermato che i 30 milioni di euro annui stanziati dal ministero per i coltivatori tradizionali sono insufficienti.

pubblicità

Planas ha insistito sul fatto che il piano strategico nazionale spagnolo per la nuova PAC è un "ottima opportunità” per tutto il settore olivicolo con una migliore distribuzione degli aiuti e ulteriori impegni finanziari agli olivicoltori biologici e tradizionali.

Tuttavia, Crespo si è dichiarata in fervente disaccordo nel suo intervento, citando stime regionali che prevedono che l'Andalusia perda 100 milioni di euro all'anno nell'ambito dell'attuale piano strategico nazionale. Di questa cifra, il settore olivicolo dell'Andalusia perderebbe 60 milioni di euro.

Precedentemente, Crespo ha avvertito che il 53 per cento degli agricoltori e allevatori andalusi perderebbe i fondi del piano strategico nazionale per la PAC.

"La grande forza dell'agricoltura andalusa è che è un settore unito, che va di pari passo per affrontare le sfide future", ha affermato. "In Andalusia, ci impegniamo per un piano strategico nazionale per la PAC che sia semplice e fattibile”.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti