La Turchia allenta il divieto di esportazione a seguito di intense attività di lobbying

I produttori turchi potranno esportare 50,000 tonnellate di olio d'oliva sfuso fino a novembre. Con le previsioni di un raccolto eccezionale, il settore vuole che il divieto venga revocato completamente.
Istanbul, Turchia
Di Daniel Dawson
12 giugno 2024 01:17 UTC

Mentre i funzionari del settore dell'olio d'oliva turco prevedono un altro raccolto eccezionale nella campagna agricola 2024/25, continuano a chiedere al governo di aumentare le sue misure divieto di esportazioni di massa.

Dopo intense pressioni da parte del settore dell'olio d'oliva, il governo ha parzialmente revocato il divieto, consentendo ai produttori di esportare 50,000 tonnellate di olio d'oliva sfuso fino al 1 novembre 2024.

Le nuove aspettative di raccolto e le scorte ci mostrano che abbiamo circa il doppio della quantità di olio d'oliva di cui abbiamo bisogno nel mercato interno. Per questo motivo riteniamo che le esportazioni sfuse di olio d’oliva dovrebbero essere liberalizzate.- Ali Kopuz, presidente della Borsa Merci di Istanbul

Secondo l'Associazione degli esportatori di olio d'oliva e di oliva dell'Egeo (EZZIB), la Turchia ha 200,000 tonnellate di scorte di olio d'oliva. Il presidente dell'EZIB Mehmet Emre Uygun ha accolto con favore la decisione, che secondo le sue stime porterà 300 milioni di dollari (279 milioni di euro) ai produttori.

Sebbene i produttori, gli esportatori e i loro sostenitori abbiano accolto con favore l’annuncio, hanno affermato che non è andato abbastanza lontano.

Vedi anche:Le varietà autoctone danno una stagione pluripremiata ai produttori turchi

Uygun ha affermato che le restrizioni all'esportazione di massa, prima imposto nell’agosto 2023, non aveva portato benefici ai consumatori abbassando i prezzi, che era l’obiettivo delle autorità.

Invece, Uygun ha affermato che l'inflazione ha quasi raddoppiato il prezzo dell'olio d'oliva durante i dieci mesi trascorsi dall'annuncio del divieto di esportazione di massa. Ha avvertito che il mantenimento del divieto danneggerebbe agricoltori, mugnai ed esportatori.

slip-business-africa-medio-oriente-turchia-allevia-il-divieto-di-export-in-seguito-all'intenso-lobbying-tempi-dell'olio-d'oliva

Mehmet Emre Uygun (Foto: BEI)

"Mentre le nostre esportazioni sono state di 150,000 tonnellate nell’anno di raccolto 2022/23, sono diminuite di circa il 70% nei periodi di sette mesi del 2023/24”, ha detto ai media locali. "Gli esportatori non sono stati gli unici a soffrire a causa dell’ingiunzione. Il produttore ha subito una perdita di reddito perché non ha potuto vendere i suoi prodotti all’esportazione”.

"Soprattutto, la Turchia e gli esportatori turchi di olio d'oliva hanno perso la loro buona reputazione nei mercati di esportazione ", ha aggiunto.

Il divieto dell’agosto 2023 è stato il terzo divieto sulle esportazioni di prodotti sfusi in tanti anni, con i precedenti divieti implementati in Marzo 2021 più Aprile 2022. Tuttavia, quello attuale è durato più a lungo dei divieti precedenti.

Ali Kopuz, presidente dell'Istanbul Commodity Exchange, ha affermato che la Turchia ha il doppio della quantità di olio d'oliva di cui ha bisogno per rifornire il mercato interno e ha invitato il governo a eliminare il divieto.

"Le esportazioni di olio d'oliva sfuso sono state vietate, tenendo conto della resa e della situazione delle scorte ", ha detto ai media locali. "In questo modo, il mercato interno è stato regolamentato con successo e le nostre esportazioni di olio d'oliva [confezionate singolarmente] sono raddoppiate rispetto alla stagione precedente.

"Tuttavia, le nuove aspettative e le scorte di raccolto ci mostrano che abbiamo circa il doppio della quantità di olio d'oliva di cui abbiamo bisogno nel mercato interno ", ha aggiunto Kopuz. "Per questo motivo, riteniamo che le esportazioni sfuse di olio d'oliva dovrebbero essere liberalizzate.

L’EZIB prevede che la produzione raggiungerà le 400,000 tonnellate nel 2024/25, leggermente al di sotto della rendimento record registrato nella campagna 2022/23 ma significativamente superiore al raccolto precedente.

In combinazione con le scorte di olio d'oliva esistenti e la produzione di Afrin, una regione nel nord della Siria occupata dalla Turchia, Uygun stima che il paese potrebbe avere 650,000 tonnellate di olio d'oliva disponibili entro la fine del raccolto.

"Auspichiamo una stagione in cui non vi siano quote e gli esportatori possano esportare sui mercati mondiali a condizioni tariffarie", ha affermato Uygun. "Se i divieti verranno lasciati indietro, crediamo che raggiungeremo l’obiettivo di esportazione di 1 miliardo di dollari (932 milioni di euro) per la prima volta nella nostra storia nella campagna agricola 2024/25”.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati