Divieto di esportazione di olio d'oliva Vendite di olive da tavola acide in Turchia

Mentre le esportazioni di olive da tavola sono aumentate vertiginosamente nei primi cinque mesi della campagna 2023/24, il divieto sulle esportazioni di olio d'oliva è accusato di aver frenato il settore.
Di Daniel Dawson
Maggio. 7, 2024 13:20 UTC

Le esportazioni di olive da tavola dalla Turchia sono aumentate vertiginosamente nei primi cinque mesi dell'anno di esportazione 2023/24 (che inizia a novembre in Turchia), portando entrate per 114 milioni di dollari (106 milioni di euro), il 15% in più rispetto allo stesso periodo del 2022/23. -.

Davut Er, presidente dell'Associazione degli esportatori di olive e olio d'oliva dell'Egeo (EZZIB), ha aggiunto che anche la quantità di olive da tavola esportate è aumentata del 18%.

Se le restrizioni imposte alle esportazioni di olio d’oliva sfuso e in barili continueranno, causeranno danni irreparabili al nostro settore.- Davut Er, presidente, EZZIB

Gli esportatori di olive da tavola godono di un anno redditizio, sostenuto da un raccolto record di 605,00 tonnellate nella campagna 2022/23 (che inizia a ottobre) e da un altro raccolto eccezionale di 445,000 tonnellate in questa stagione.

Tuttavia, il paese divieto continuato delle esportazioni di olio d'oliva sfuso ha comportato una diminuzione significativa, con la quantità di olio d'oliva venduta all'estero che è scesa da 81,000 tonnellate nei primi cinque mesi dell'anno di esportazione 2022/23 a 31,000 tonnellate nell'attuale anno di raccolto, con una diminuzione del 62%.

Vedi anche:Le esportazioni turche di olio d'oliva possono compensare il deficit dell'Europa una volta revocato il divieto, afferma il funzionario

I prezzi storicamente elevati dell'olio d'oliva all'origine in tutto il bacino del Mediterraneo hanno compensato alcune delle perdite subite dai produttori, con il valore delle esportazioni che è sceso del 36% da 358 milioni di dollari (331 milioni di euro) nell'anno di esportazione precedente a 228 milioni di dollari (212 milioni di euro). ) in quello attuale.

Tuttavia, questa notizia è agrodolce, con i produttori che si chiedono cosa sarebbe potuto succedere se il divieto fosse avvenuto è finita come previsto il 1° novembre 2023. È stata invece prorogata a tempo indeterminato il 17 ottobreth.

"Se le restrizioni imposte alle esportazioni di olio d'oliva sfuso e in barili continuano, causeranno danni irreparabili al nostro settore ", ha affermato Er.

Con l'implementazione della fascia di esportazione dell'olio d'oliva, i funzionari speravano di abbassare in anticipo i prezzi elevati dell'olio d'oliva sul mercato interno

I funzionari hanno implementato il divieto citando gli alti prezzi dell'olio d'oliva nel mercato interno. Le autorità turche avevano precedentemente vietato le esportazioni di prodotti sfusi Marzo 2021 ed Aprile 2022. Tuttavia, l’attuale divieto sembra destinato a durare più a lungo.

Mentre Er e altri produttori non rimproverano il governo per aver lavorato per abbassare i prezzi in patria, ora che il raccolto 2023/24 è stato completato, credono che ci sia olio d'oliva in abbondanza sia per il mercato interno che per i mercati di esportazione più redditizi.

"Siamo entrati nell’anno di raccolto 2023/24 con circa 140,000 tonnellate di scorte in eccesso”, ha detto Er. “Se aggiungiamo le 140,000 tonnellate di scorte, 185,000 tonnellate di rendimento [dal raccolto attuale] e 50,000 tonnellate di olio d'oliva provenienti da Afrin [una regione della Siria settentrionale occupata dalla Turchia] nella stagione 2023/24, complessivamente abbiamo 375,000 tonnellate di olio d'oliva.

"Quando prevediamo che ci saranno 100,000 ton di esportazioni e 175,000 ton di consumo interno nella stagione 2023/24, entreremo nella stagione 2024/25 con uno stock minimo di 100,000 ton", ha aggiunto.

La notizia del significativo calo delle esportazioni di olio d'oliva arriva una settimana dopo che Er ha dichiarato all'assemblea generale dell'EZIB che ritiene che la Turchia possa esportare 2 miliardi di dollari (1.86 miliardi di euro) all'anno entro il 2028.

"Nonostante le restrizioni all'esportazione di prodotti sfusi e di barili imposte alla fine di luglio, puntiamo ad aumentare questa cifra [le esportazioni annuali di olio d'oliva] a 1.5 miliardi di dollari (1.39 milioni di euro) nei prossimi anni e a 2 miliardi di dollari nel 2023 ", ha dichiarato al assemblaggio.



pubblicità
pubblicità

Articoli Correlati