Avvicinare palestinesi e israeliani attraverso Olive Oil Produzione

Nel nord di Israele, Sindyanna di Galilea aiuta gli agricoltori a produrre e vendere olio extravergine d'oliva, utilizzando i proventi per investire nelle comunità locali.
Nadia Giol (a sinistra), Hanan Zoabi Manadreh (al centro) e Hadas Lahav (a destra) raccolgono le olive a Deir Hanna
Aprile 11, 2022
Daniel Dawson

Notizie recenti

"L'olio d'oliva è lo strumento che ci sta unendo ", ha affermato Nadia Giol, il principale facilitatore del gruppo presso Sindyanna di Galilea.

Giol è una cittadina palestinese di Israele che lavora al centro visitatori di Sindyanna, dove mette in mostra l'alta qualità locale olive oil produzione e spiega lo scopo della compagnia arabo-israeliana guidata da donne.

Sindyanna sta cercando di portare una narrativa alternativa alle comunità arabe ed ebraiche.- Hadas Lahav, CEO, Sindyanna di Galilea

Sindyanna di Galilea non è un tradizionale olive oil proriduttore. Invece, l'organizzazione senza scopo di lucro acquista olio d'oliva e altri prodotti agricoli da agricoltori locali nella Galilea imbevuta di olio - una grande pianura costiera che si estende dal nord di Israele al Libano meridionale - imbottiglia l'olio e lo vende sul mercato interno o lo esporta all'estero.

Con i soldi guadagnati dalla vendita dell'olio d'oliva, l'azienda investe nella comunità locale piantando ulivi, aiutando gli agricoltori a diventare certificati di commercio equo e solidale biologico e l'installazione delle infrastrutture necessarie, come l'irrigazione.

Vedi anche:Profili del produttore

Hadas Lahav, co-fondatore e amministratore delegato dell'organizzazione no profit, ha detto Olive Oil Times che ha passato la vita a provarci creare una connessione più profonda tra palestinesi e israeliani con l'olivo – millenario simbolo di pace – al centro dei suoi sforzi.

"Per tutta la vita ho cercato modi per migliorare la nostra società", ha detto. "Che sia attraverso l'emancipazione femminile, la collaborazione arabo-ebraica o progetti di lavoro, tutto ciò che può rendere la nostra società più giusta ed equa”.

Ha fondato Sindyanna of Galilee nel 1996 dopo aver riconosciuto il potenziale economico non sfruttato dei generosi uliveti della regione.

africa-profili-medio-orientali-che-uniscono-palestinesi-e-israeliani-attraverso-la-produzione-di-olio-d-oliva-tempi-di-olio-d-oliva

"C'è molto olio d'oliva in Galilea ", ha detto. "Venticinque anni fa, gli uliveti appartenevano per lo più a contadini arabi. E c'era un grosso problema con il marketing e l'adeguamento dell'olio d'oliva alle esigenze del mercato moderno".

A quel tempo, la maggior parte di questi agricoltori produceva olio d'oliva da consumare a casa, ma Lahav vide il potenziale economico che un piccolo investimento nelle tecniche di raccolta e macinazione poteva portare alla comunità rurale.

"Abbiamo visto che possiamo non solo contribuire al miglioramento della qualità dell'olio d'oliva, ma anche trovare i ponti tra i contadini arabi o gli arabi olive oil proproduttori e il mercato israeliano, e in seguito al mercato globale”, ha affermato. "È qui che è iniziato il nostro viaggio”.

Sindyanna di Galilea ha sede nella città araba di Kafr Kanna, che i cristiani celebrano come il luogo in cui Gesù Cristo trasformò miracolosamente l'acqua in vino. Nel magazzino dell'azienda, trasformano l'olio d'oliva crudo nel prodotto finale che vende fino a € 18 per mezzo litro nelle capitali dell'Europa occidentale.

africa-profili-medio-orientali-che-uniscono-palestinesi-e-israeliani-attraverso-la-produzione-di-olio-d-oliva-tempi-di-olio-d-oliva

Una volta acquistato l'olio dai contadini, Lahav e il suo team lo trasportano al magazzino. Ecco, loro filtrare l'olio d'oliva, conservalo in contenitori all'avanguardia, imbottiglia l'olio e infine spediscilo a negozi in tutto il paese e in tutto il mondo.

"Conosciamo quasi tutti i produttori", ha detto Lahav. "Li conosciamo personalmente. Li visitiamo e riportiamo non solo il prodotto alimentare ma anche la storia. Per noi è molto importante che le persone che consumano i nostri prodotti sappiano da dove vengono, cosa rappresentano e la loro storia".

"Stiamo cercando di costruire una narrativa alternativa alla travolgente narrativa israeliana, che si basa sulla separazione e sulla costruzione di muri tra le due diverse comunità invece di unirle", ha aggiunto. "Sindyanna sta cercando di portare una narrativa alternativa alle comunità arabe ed ebraiche”.

Mentre Lahav, Giol e il resto del team di Sindyanna stanno lavorando per condividere una visione di speranza e comunità attraverso olio extravergine d'oliva, devono affrontare molte sfide per realizzare questa visione.

"A livello agricolo, la sfida più grande per gli agricoltori locali è lo sviluppo di sistemi di irrigazione", ha affermato Lahav. "A causa di cambiamento climatico e il fatto che le estati in Medio Oriente stiano diventando più calde, l'effetto sugli ulivi è molto drammatico".

africa-profili-medio-orientali-che-uniscono-palestinesi-e-israeliani-attraverso-la-produzione-di-olio-d-oliva-tempi-di-olio-d-oliva

"Tradizionalmente, gli uliveti in Galilea non sono irrigati ", ha aggiunto. "Sono alimentati a pioggia, ma abbiamo scoperto che puoi ottenere raccolti molto più grandi e una qualità molto migliore irrigando le olive. "

Il team di Sindyanna of Galillee lavora anche per educare gli agricoltori sulle moderne tecniche di raccolta e produzione. Lahav ritiene che l'olio d'oliva possa seguire le orme del settore vinicolo in Israele, che ha visto triplicare il valore delle sue esportazioni negli ultimi 20 anni.

"Siamo un po' indietro rispetto all'industria del vino con l'olio d'oliva, ma penso che ci stiamo arrivando ", ha detto Lahav. "C'è uno sforzo globale, e con la collaborazione di tutti i olive oil proproduttori, possiamo portare l'olio d'oliva a una nuova fase di un prodotto di alta qualità. "

Uno dei modi in cui i produttori israeliani arriveranno a questo punto è dimostrare la loro qualità alle competizioni internazionali.

A tal fine, Sindyanna di Galillee ha ottenuto diversi riconoscimenti internazionali, compreso un premio d'argento Al 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition per un delicato monovarietale Barnea.

africa-profili-medio-orientali-che-uniscono-palestinesi-e-israeliani-attraverso-la-produzione-di-olio-d-oliva-tempi-di-olio-d-oliva

"Quest'anno abbiamo inviato due oli d'oliva a New York ", ha detto Lahav. "Uno è una Coratina del nostro uliveto equosolidale vicino a Nazaret. E l'altro è un olio d'oliva biologico, che è una miscela di olive Coratina e Barnea.

Lahav ha detto che Sindyanna di Galillee sarebbe molto felice di vincere più premi al NYIOOC ma celebra il fatto che così tante persone siano investite nelle competizioni dell'olio d'oliva, soprattutto in un momento di maggiore incertezza sul futuro a causa del conflitto.

"Siamo ottimisti sul fatto che il mondo sia concentrato su una competizione per l'olio d'oliva ", ha affermato Lahav. "Tutti coloro che ora stanno combattendo per un mondo migliore, contro la guerra [in Ucraina], tutto ciò che non è spargimento di sangue e violenza è buono, sono assolutamente ottimisti”.

"Facciamo gare di olio d'oliva e non guerre", ha concluso.


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti