`Borghi umbri immersi nella cultura dell'olio d'oliva promuovono una nuova iniziativa turistica - Olive Oil Times

I borghi umbri immersi nella cultura dell'olio d'oliva promuovono una nuova iniziativa turistica

Marzo 29, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Olivi locali sono stati piantati lungo il bordo di un sentiero di oleoturismo nella regione dell'Italia centrale di Umbria, che collega un numero crescente di comuni con la regione Denominazione d'origine protetta stato.

Quando l'anno scorso è stata lanciata la prima iniziativa del genere, l'obiettivo era festeggiare Salute e cultura dell'olio d'oliva all'indomani del Pandemia di covid-19.

Credo che per il suo particolare profilo produttivo e l'elevata qualità della filiera, l'Umbria possa essere considerata la Borgogna dell'olio d'oliva italiano, con la sua qualità eccezionalmente elevata e il suo paesaggio intatto, pur essendo ricco di bellezza.- Paolo Morbidoni, presidente, Strada dell'Olio EvO Dop Umbria

Quest'anno la nuova edizione del "Gli ulivi della rinascita” ha lo scopo di promuovere la pace. L'associazione Strada dell'Olio EvO Dop Umbria, che sostiene il locale olive oil produzione e oleotourism, ha pubblicato poesie contemporanee vicino a ogni nuovo albero.

Le opere sono state selezionate dall'esperta di lettere Costanza Ferrini, fondatrice della "All'ombra del Mediterraneo” associazione culturale. Le poesie sono state scritte da poeti di diversi paesi che si sono uniti per sostenere la pace.

Vedi anche:Nuove regole in Italia definiscono gli standard per gli operatori di oleoturismo

"L'olivo è una pianta altamente resiliente associata a un simbolismo significativo, ancor più in Umbria dove si trova all'interno delle mura di antichi boschetti o disseminata nel paesaggio collinare”, ha detto Paolo Morbidoni, presidente della Strada dell'Olio EvO Dop Umbria Olive Oil Times. "È stata la compagna e l'ispirazione delle opere dell'uomo, da San Francesco d'Assisi ad Aldo Capitini”.

I nuovi alberi sono stati celebrati con canti e letture di poesie e posizionati nelle piazze e in altri luoghi di grande visibilità dei borghi umbri aderenti all'iniziativa.

Secondo l'associazione, i contributi poetici legati agli alberi hanno creato un percorso letterario turistico e culturale incentrato sull'olivo.

slip-borghi-umbri-immersi-nella-cultura-dell'olio-promozione-nuovo-turismo-iniziativa-oliviaria-tempi

"È un modo per dire che la natura non si ferma oggi, né la speranza”, ha detto Morbidoni. "Gli autori sono tutti poeti viventi, perché celebriamo la vita e la pace. Anche un giovane straordinario poeta di origine ucraina che non ha potuto essere qui ma ha partecipato di cuore all'iniziativa».

Il presidente dell'associazione ha citato le parole di Theodosis Nikolau, poeta cipriota le cui opere sono state pubblicate vicino all'olivo della rinascita piantato nel comune di Todi: "Ho visto la luce del giorno è per la gioia, la notte per le lacrime. Tuttavia, è anche la madre del nuovo giorno".

"Sono belle parole che ci ricordano che il tempo e il passare delle stagioni sono gli archetipi di ogni nuovo inizio, dopo il buio, dopo gli inverni”, ha detto Morbidoni. "Finché piantiamo alberi, semi e parole, rimarremo umani. E nei nostri tempi tragici, con una guerra in corso in Europa, il significato di quelle parole è ancora più forte”.

L'associazione ha aggiunto come la Goccia di Massa Martana, una rara varietà autoctona, sia tra gli alberi che sono stati piantati. L'albero è stato scoperto per la prima volta in un vigneto abbandonato e i ricercatori ritengono che abbia radici antiche nell'area circostante il villaggio.

Tra gli ultimi comuni che aderiscono all'iniziativa c'è Lugnano, paese della Valle del Tevere che dal 2014 ospita il museo internazionale Olea Mundi. Nel museo sono stati raccolti più di 1,200 ulivi. Provengono da più di 400 varietà e sono state fornite da 23 paesi.

Secondo l'associazione, il "L'olivo della rinascita” dimostra il legame speciale che queste comunità locali hanno con l'olio d'oliva. L'olivo è radicato nell'essenza della società locale e può essere facilmente assistito dall'oleoturista, ha affermato l'associazione.

Vedi anche:Roma entra a far parte della Rete del Turismo dell'Olio d'Oliva Città dell'Olio

Ad esempio, ad Assisi, una piccola porta attraverso le mura del sagrato della Basilica di San Francesco porta il visitatore in affascinanti boschi secolari dove gli ulivi prosperano da secoli. In mostra anche l'opera d'arte in legno d'ulivo realizzata dall'artista contemporaneo Pistoletto.

Pochi chilometri a sud, ad Amelia, città murata di origine preromana, un ulivo è posto sui fregi di una lastra marmorea datata due millenni fa.

"E in tanti paesini come Giano, Trevi o la zona del Lago Trasimeno è ancora possibile trovarlo ulivi millenari, veri monumenti viventi”, ha detto Morbidoni.

Ha aggiunto come l'associazione da decenni promuove la cultura e il turismo dell'olio d'oliva, con iniziative come i Frantoi Aperti (frantoi aperti), uno degli eventi italiani più significativi durante la stagione della raccolta.

slip-borghi-umbri-immersi-nella-cultura-dell'olio-promozione-nuovo-turismo-iniziativa-oliviaria-tempi

Foto: Orvietosì

"Credo che, dato il suo profilo di produzione speciale e l'alta qualità della filiera, l'Umbria potrebbe essere considerata la Borgogna dell'olio d'oliva italiano, con la sua qualità eccezionalmente alta e il suo paesaggio intatto, pur essendo pieno di bellezza ", ha affermato Morbidoni.

Secondo l'associazione, ogni stagione ha qualcosa di unico da offrire ai visitatori interessati alla cultura olearia umbra.

"In autunno, devi iniziare con i frantoi, che aprono le porte al gusto dell'olio d'oliva nuovo ", ha detto Morbidoni. "All'interno dell'iniziativa Frantoi Aperti, questo viaggio può essere arricchito con esperienze culturali, campionamenti di arte contemporanea, musica o con la visita di luoghi insoliti”.

La primavera o l'estate è ideale per passeggiate, degustazioni e scoperta della campagna.

"Quindi, puoi mangiare in uno dei 35 olio extravergine d'oliva ambasciatori dell'Umbria, ristoranti che supportano attivamente l'olio extra vergine di oliva locale ", ha affermato Morbidoni. "Da lì si possono raggiungere facilmente gli oliveti per incontrare i produttori [dell'EVOO degustato nel ristorante]. E se il turista viene in inverno, allora l'olio d'oliva canterà sul pane cotto dalla brace nei camini”.

L'iniziativa umbra arriva mentre olivicoltori ed enti turistici di tutta Italia si preparano alla definitiva attuazione da parte delle autorità regionali della recente Legge italiana sull'oleoturismo.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti