`L'impronta digitale degli idrocarburi aiuta i ricercatori dell'UE a verificare Olive Oil Provendetta - Olive Oil Times

L'impronta digitale degli idrocarburi aiuta i ricercatori dell'UE a verificare Olive Oil Provenanza

Febbraio 9, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

I ricercatori delle università spagnole e italiane hanno identificato un metodo più semplice ed economico per autenticare l'origine geografica dell'olio extra vergine di oliva.

Nella loro nuova pubblicazione studio, gli scienziati hanno affermato di aver ideato e convalidato un modello di classificazione in grado di verificare quando un olio extravergine d'oliva campione è stato prodotto nell'Unione Europea o se ha un'origine non UE.

L'Unione Europea ha finanziato la ricerca attraverso il percorso in corso Progetto Oleum, che ha lo scopo specifico di sviluppare soluzioni per valutare l'autenticità e la qualità dell'olio d'oliva.

Vedi anche:Notizie di ricerca

"Secondo l'ultimo rapporto della rete di frode alimentare dell'Unione europea, l'olio d'oliva è in cima alla lista dei prodotti più notificati ", hanno scritto gli autori dello studio. "L'attuale regolamento dell'UE afferma che l'origine geografica è obbligatoria per gli oli d'oliva vergini, anche se manca ancora un metodo analitico ufficiale".

"La verifica della conformità degli oli UE dichiarati dall'etichetta dovrebbe essere affrontata con il massimo livello di priorità", hanno aggiunto gli autori.

pubblicità

Gli scienziati hanno spiegato che i nuovi metodi strumentali consentono un'autenticazione geografica affidabile degli oli vergini ed extravergini prodotti in aree specifiche e omogenee, nonché in regioni più ampie con maggiore eterogeneità in termini di cultivar tradizionali e condizioni pedoclimatiche.

Per sviluppare i nuovi modelli, i ricercatori si sono concentrati sugli idrocarburi sesquiterpenici. Trovato in molte piante, organismi marini e funghi, il fingerprinting degli idrocarburi sesquiterpenici negli oli di oliva vergini offre una vasta quantità di informazioni, utili per identificare specifiche cultivar di olivo e aree geografiche.

Per perfezionare ulteriormente l'indagine, gli scienziati hanno applicato un'analisi discriminante parziale dei minimi quadrati agli oli d'oliva coinvolti, un noto strumento chemiometrico.

Il team di ricerca ha utilizzato 400 idrocarburi sesquiterpenici di oli di oliva vergini ottenuti mediante microestrazione in fase solida nello spazio di testa accoppiata a gas cromatografia-spettrometria di massa.

Quasi 250 campioni sono stati selezionati da sei paesi produttori di olio d'oliva all'interno dell'Unione Europea (Spagna, Italia, Grecia, Portogallo, Slovenia e Croazia), mentre 154 provenivano da Tunisia, Turchia, Marocco e Argentina.

Tutti i campioni provenivano da diverse stagioni di raccolta e tutti avevano soddisfatto i criteri per essere classificati come 'vergine' o 'extra vergine' attraverso un panel test di valutazione.

Vedi anche:Utilizzo di impronte isotopiche per autenticare l'olio d'oliva, combattere le frodi

Per testare l'affidabilità dei nuovi metodi, i ricercatori hanno utilizzato un ampio set di dati "con grande diversità, comprese diverse regioni produttive, cultivar di olive, annate e persino lotti analitici, al fine di valutare le prestazioni dell'approccio di autenticazione in uno scenario più realistico in cui la variabilità naturale è altamente rappresentata”.

Tali campioni hanno consentito di discriminare tra prodotti UE e non UE con un grado di classificazione corretta dell'89.6%.

Grazie al successivo sviluppo e validazione di modelli di discriminazione multiclasse per i paesi dell'UE ed extra UE, i ricercatori hanno identificato correttamente i paesi dell'UE nel 92.2% dei casi, un valore che sale al 96.0% quando si identificano i paesi non UE.

I migliori risultati sono stati ottenuti nell'identificazione di idrocarburi sesquiterpenici da Italia, Spagna e Grecia, con una precisione del 99.6%. I punteggi leggermente inferiori riscontrati per altri paesi erano principalmente dovuti al minor numero di campioni raccolti.

"È notevole che queste elevate percentuali di assegnazioni corrette siano state ottenute con un data set che considerava un'elevata eterogeneità naturale e variabilità analitica dell'olio di oliva vergine in quanto includeva campioni delle principali cultivar per ciascuna zona di produzione, di diverse annate e sono stati analizzati in diversi lotti analitici”, hanno scritto i ricercatori.

Secondo i ricercatori, il nuovo metodo arriva sulla scia di diversi metodi di laboratorio precedenti per identificare l'origine dell'olio d'oliva, ma ora riduce le esigenze di strumentazione e i costi operativi.

Sulla base dei risultati ottenuti con le ultime ricerche, lo scienziato ha anche sottolineato che lo stesso approccio potrebbe essere ridimensionato per autenticare l'origine degli oli ottenuti da regioni più piccole.

Gli autori del documento affermano che lo stesso metodo potrebbe essere utilizzato anche per autenticare gli oli extra vergini di oliva di alta qualità all'interno dell'Unione Europea, quelli certificati con un Denominazione d'origine protetta or Indicazione geografica protetta.



Advertisement

pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti