`È improbabile che la Francia elimini la Xylella, il rapporto rileva - Olive Oil Times

È improbabile che la Francia elimini la Xylella, rileva il rapporto

Settembre 20, 2022
Daniel Dawson

Notizie recenti

Xylella fastidiosa è improbabile che venga del tutto sradicato in Francia dopo i ritardi e i passi falsi delle autorità locali, secondo un rapporto dalla Commissione Europea.

Il batterio, la cui particolare sottospecie causa la mortale sindrome del rapido declino dell'oliva, è stato scoperto per la prima volta in territorio francese sull'isola mediterranea di Corsica nel luglio 2015.

Successivamente si verificarono focolai separati rilevato in Provenza-Alpi-Costa Azzurra nell'ottobre 2015 e Occitania a settembre 2020.

Vedi anche:Il protocollo di contenimento della Xylella Fastidiosa si rivela efficace in Puglia

Nelle tre regioni, che sono anche le zone olivicole più produttive del Paese, i revisori dei conti hanno individuato due sottospecie di Xylella fastidiosa – multiplex e pauca – che infettano gli ulivi.

Tuttavia, gli ulivi infettati da Xylella fastidiosa sono stati identificati solo in Provenza-Alpi-Costa Azzurra e distrutti seguendo i protocolli europei di eradicazione.

pubblicità

Questi stabiliscono che una qualsiasi delle 300 specie ospiti identificate entro un raggio di 50 metri dalla pianta infetta, nota come zona di infezione, venga distrutta.

Viene quindi istituita una zona cuscinetto più ampia con un raggio da 2.5 a 5 chilometri (in base all'entità delle infezioni nelle zone infette e alla capacità del batterio di diffondersi) e tutte le specie vegetali sensibili devono essere testate. Insieme, questi sono conosciuti come un'area delimitata.

I revisori della Commissione europea hanno rilevato che le autorità francesi non hanno considerato tutti i fattori rilevanti del modo in cui la Xylella fastidiosa si diffonde per cause umane e naturali. Di conseguenza, le indagini delle autorità potrebbero aver consentito alla malattia di diffondersi al di fuori della zona cuscinetto senza essere rilevata.

I revisori hanno anche riscontrato che la mancanza di disposizioni dettagliate significava che non era in atto un piano immediato per distruggere le piante infette. Ciò ha comportato ritardi significativi che hanno creato un rischio per l'ulteriore diffusione della malattia.

Tuttavia, i revisori dei conti hanno riconosciuto che le autorità francesi hanno istituito tempestivamente aree delimitate sulla terraferma, il che ha impedito la diffusione della Xylella fastidiosa come è avvenuto in Corsica. L'intera isola è ormai considerata una zona infetta, ma non dalla sottospecie che infetta gli ulivi.

Vedi anche:Xylella è arrivata in Italia da una fabbrica di caffè costaricana, affermano i ricercatori

In Provenza-Alpi-Costa Azzurra, dove sono stati identificati due ulivi infetti, i revisori dei conti hanno affermato che le autorità hanno stabilito con successo l'area delimitata in tempo, prevenendo la diffusione della malattia dai due ulivi ornamentali ad altri nella zona.

Sebbene le autorità francesi abbiano rapidamente istituito aree delimitate e condotto test approfonditi per identificare le piante infette, i revisori dei conti hanno riscontrato che l'eradicazione di queste piante e di altre nelle zone infette è stata ritardata fino a cinque mesi.

Questi ritardi sono stati attribuiti a un periodo di gara prolungato, in cui vengono assegnati contratti a società private per eradicare le piante infette, restrizioni alla circolazione poste in essere durante la pandemia di Covid-19 e il diritto dei proprietari di immobili di impugnare i risultati dei test.

I revisori hanno affermato che i ritardi nella rimozione delle piante infette e la mancanza di uno sforzo coordinato per identificare e controllare popolazioni di vettori di insetti "sollevato seri dubbi” che la Xylella fastidiosa potesse essere eradicata nella Francia continentale.

In Corsica, i revisori hanno affermato che le autorità non hanno rispettato le normative europee che limitano la circolazione delle piante infette. Pur riconoscendo adeguati controlli nei porti, hanno affermato che non sono stati effettuati controlli sulle barche in partenza con specie vegetali sensibili verso la Spagna o l'Italia.

Sulla terraferma, i revisori hanno affermato che le autorità non hanno istituito infrastrutture adeguate per controllare i movimenti delle piante su strade o porti, il che significa che piante potenzialmente infette potrebbero essere state trasportate in altre parti della Francia, Spagna e Italia.

Tuttavia, i revisori hanno affermato che le autorità locali e nazionali hanno fatto bene a informare il pubblico sulla minaccia di Xylella fastidiosa, che potrebbe aver contribuito a prevenire la diffusione in altre aree agricole.

I revisori hanno concluso la relazione con sei raccomandazioni che le autorità devono adottare per porre rimedio ai problemi individuati.


pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti