`La produzione agricola europea è leggermente diminuita nel 2020 - Olive Oil Times

La produzione agricola europea è leggermente diminuita nel 2020

Novembre 29, 2021
Paolo De Andreis

Notizie recenti

L'ultimo dati pubblicato da Eurostat mostrano che il settore agricolo europeo ha contribuito all'1.3% del prodotto interno lordo (PIL) complessivo del blocco dei 27 membri nel 2020.

Inoltre, l'agenzia statistica ufficiale dell'UE ha stimato il valore aggiunto lordo al settore agricolo, la differenza tra il valore della produzione ei costi di produzione, pari a 178.4 miliardi di euro.

Il numero complessivo di lavoratori agricoli è diminuito del 2.9 percento, leggermente più del calo medio annuo del 2.5 percento registrato dal 2005 al 2019.

Vedi anche:Le esportazioni europee di olio d'oliva dovrebbero recuperare con l'aumento dei costi

"Un modo di vedere questo è che per ogni € 1 speso per il costo di beni e servizi utilizzati nel processo di produzione (noto come consumo intermedio), l'industria agricola dell'UE ha creato un valore aggiunto di € 0.76", ha scritto Eurostat. "Sebbene questo valore aggiunto relativo nel 2020 sia stato inferiore a 0.79 euro nel 2017, è stato comunque superiore rispetto alla maggior parte degli altri anni dal 2007”.

Aggiungendo colture, animali e servizi agricoli a molti altri beni e servizi, Eurostat ha stimato che nel 2020 i settori agricoli del blocco di 27 membri hanno prodotto 414.1 miliardi di euro in valore totale, in calo dell'1.1% rispetto al 2019.

pubblicità

Di tale somma, 219.5 miliardi di euro provenivano dalle colture, mentre 159 miliardi di euro provenivano da animali e prodotti animali. I servizi agricoli hanno rappresentato 20.3 miliardi di euro, mentre il resto è relativo ad attività non agricole che Eurostat non ha potuto misurare separatamente.

Eurostat ha spiegato che la diminuzione dell'1.1% rappresenta "un leggero calo rispetto al picco registrato nel 2019, che a sua volta è stato il culmine di una tendenza al rialzo iniziata nel 2009”.

"Questa variazione del valore nominale riflette lievi cali sia del prezzo nominale dei beni e dei servizi agricoli nel suo complesso (stimato –1.0 percento) sia del volume della produzione (stimato –0.2 percento)”, ha aggiunto Eurostat.

I paesi in cui il calo del valore della produzione è stato più significativo sono stati Romania ( – 11.3 percento), Paesi Bassi ( – 3.1 percento), Italia ( – 2.3 percento), Francia ( – 1.9 percento) e Germania ( – 1.6 percento).

D'altra parte, Spagna (+1.1 per cento) e Polonia (+1.9 per cento) sono stati tra i principali contributori che hanno visto crescere il loro valore complessivo della produzione, con l'aumento più forte registrato in Lituania (+8.6 per cento).

I dati di Eurostat del 2020 hanno anche confermato le differenze significative nei volumi e nelle rese agricole in tutta l'UE, con quattro paesi che rappresentano la maggior parte dei valori di produzione totale.

Il 76.3% di questi proveniva da Francia (57.6 miliardi di euro), Germania (56.9 miliardi di euro), Italia (52.3 miliardi di euro) e Spagna (76 miliardi di euro). Aggiungendo il valore della produzione da Paesi Bassi, Polonia e Romania, Eurostat ha stimato che il - percento del valore totale del settore agricolo dell'UE proveniva da questi sette Stati membri.

Considerando i 235.8 miliardi di euro di costi sostenuti dagli agricoltori, il 51% proveniva dall'alimentazione degli animali e dai servizi veterinari, mentre l'11.1% proveniva da erbicidi, pesticidi, insetticidi, fertilizzanti e ammendanti.

Vedi anche:100 miliardi di euro di spesa dell'UE non riescono a ridurre le emissioni nel settore agricolo, secondo un audit

"Il costo dei beni e servizi intermedi utilizzati dall'industria agricola nel 2020 è stato leggermente inferiore a quello dell'anno precedente (circa -1.1%)", ha scritto Eurostat. "Il tasso di declino è stato lo stesso di quello del valore della produzione agricola (un -1.1 per cento stimato), determinando un leggero calo (-1.3 per cento) del valore aggiunto lordo generato dal settore agricolo”.

In molti settori agricoli, compreso quello dell'olio d'oliva, solo una piccola percentuale di lavoro proveniva da lavoratori dipendenti, dato il ruolo che le famiglie e le comunità volontarie assumono durante le settimane più laboriose dell'anno.

I dati Eurostat mostrano che nel 2020, 6.2 milioni di lavoratori erano non salariati rispetto ai 2.3 milioni che erano lavoratori dipendenti a tempo pieno.

Come notato sopra, l'input totale di lavoro agricolo è diminuito drasticamente in quasi tutti gli Stati membri dal 2005 al 2020, con il calo più netto che ha colpito la maggior parte dei paesi dell'Europa orientale.

"Questa contrazione della forza lavoro agricola riflette fattori sia di spinta che di attrazione", ha scritto Eurostat. "Ci sono stati grandi passi avanti nella meccanizzazione e nell'efficienza da un lato e, dall'altro, una più ampia scelta di interessanti opportunità di lavoro in altri settori dell'economia”.

Anche il reddito da lavoro agricolo è diminuito dello 0.8 per cento nel 2020, rispetto all'anno precedente. Mentre alcuni Stati membri hanno registrato un forte aumento del reddito disponibile per i lavoratori del settore, i principali paesi agricoli come Germania, Paesi Bassi, Romania, Italia e Francia hanno registrato tassi di declino significativi.

Di conseguenza, Eurostat ha affermato che il reddito disponibile è aumentato del 31.5% rispetto ai livelli del 2010.

Eurostat ha anche compilato il rischio dall'indice dei pesticidi, che si riferisce al volume di pesticidi venduti in tutta l'UE, avvertendo che i tipi di sostanze attive cambiano nel tempo e i volumi di vendita non possono stimare in modo efficiente il potenziale pericolo connesso.

Tuttavia, l'indice, "indicatore di rischio armonizzato 1", mostra a rischio in diminuzione dai pesticidi nella maggior parte dell'Unione europea.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti