Il Parlamento europeo approva la riforma della PAC tra una forte opposizione

I sostenitori della nuova politica agricola comune hanno affermato che distribuirà i fondi in modo più equo ai piccoli agricoltori. Gli oppositori hanno detto che fa troppo poco sui cambiamenti climatici.
Dicembre 6, 2021
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

Il Parlamento Europeo ha votato per approvare il Politica agricola comune (PAC), il massiccio programma di sussidi dell'Unione Europea per gli agricoltori che rappresenta circa un terzo del suo budget.

L'accordo agricolo ha un valore di circa 387 miliardi di euro, di cui 270 miliardi di euro saranno utilizzati per pagamenti diretti agli agricoltori. Le precedenti iterazioni della PAC sono state pesantemente criticate per aver concesso più sussidi alle grandi aziende agricole e agroindustriali.

(La PAC) promuoverà un settore agricolo sostenibile e competitivo in grado di sostenere i mezzi di sussistenza degli agricoltori e fornire cibo sano e sostenibile per la società.- Janusz Wojciechowski, Commissario europeo per l'agricoltura

La nuova PAC entrerà in vigore il 1° gennaio 2023 e scadrà nel 2027.

Oltre a stanziare più equamente i fondi per i 6.5 milioni di agricoltori europei, i sostenitori della PAC hanno affermato che essa promuove anche la sostenibilità nel settore agricolo, responsabile di oltre il 10 per cento del emissioni di gas serra del blocco.

Vedi anche:Solo l'uno per cento degli olivicoltori dovrebbe perdere fondi con la nuova PAC spagnola

"L'agricoltura sarà più equa e sostenibile", ha affermato Norbert Lins, che presiede la commissione per l'agricoltura del Parlamento europeo, definendola la più grande riforma dal 1992.

Parlando ai deputati a Strasburgo, in Francia, mentre salutava le riforme, Janusz Wojciechowski, il Commissario europeo per l'agricoltura, ha affermato che la PAC "promuoverà un settore agricolo sostenibile e competitivo in grado di sostenere i mezzi di sussistenza degli agricoltori e fornire cibo sano e sostenibile per la società, offrendo al contempo molto di più in termini di ambiente e clima".

pubblicità

Uno dei modi in cui la nuova PAC aiuterà a promuovere la sostenibilità è richiedere che il 22% dei pagamenti sia speso per "eco-schemi", esempi dei quali includono preservare la biodiversità e ripristinare i paesaggi nativi, come le zone umide. Entro il 2025, questa cifra dovrebbe salire al 25%.

Un altro obiettivo del "eco-schemi" è quello di ridurre le emissioni del settore del 10 percento.

Tuttavia, le riforme non sono state accolte da tutti i legislatori dell'UE poiché alcuni ritenevano che non fossero ancora allineate con gli interessi dei piccoli agricoltori e non facessero abbastanza per combattere cambiamento climatico.

Martin Häusling, un eurodeputato del Partito dei Verdi europei, ha fatto un passo avanti e ha definito le riforme come l'inizio di "un giorno buio per la politica ambientale e gli agricoltori dell'UE”.

I suoi sentimenti sono stati ripresi da Michal Wiezik, membro slovacco del Partito popolare europeo di centrodestra, il quale ha sostenuto che i veri vincitori delle riforme della PAC sono stati i "oligarchi”.

"La riforma non si lega alle strategie per la biodiversità", ha affermato. "Questa riforma avrebbe dovuto essere la soluzione, non la fonte del problema".



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti