`La siccità nella penisola iberica dovrebbe persistere fino a novembre - Olive Oil Times

La siccità nella penisola iberica dovrebbe persistere fino a novembre

Settembre 9, 2022
Daniel Dawson

Notizie recenti

Le preghiere per la pioggia degli olivicoltori di tutta la penisola iberica sono rimaste senza risposta e un recente rapporto della Commissione europea avvertito quel clima caldo e secco pervaderà la regione fino a novembre.

Composta da Spagna e Portogallo, la penisola iberica è responsabile di circa il 46%. globale olive oil produzione nell'ultimo mezzo decennio.

Tuttavia, entrambi i paesi hanno previsioni fosche, con la Spagna che se lo aspetta rendimento più basso dal 2014/15 anno di raccolto – circa 1 milione di tonnellate. Anche il Portogallo prevede un calo significativo della produzione rispetto agli anni precedenti, con circa 100,000 tonnellate di olio d'oliva previsto per la campagna 2022/23.

Vedi anche:L'Europa affronta la peggiore siccità degli ultimi 500 anni, affermano i funzionari

Gli agricoltori di entrambi i paesi hanno accusato la diminuzione della produzione dell'estate estremamente calda e secca. La mancanza di pioggia ha costretto gli alberi a conservare l'acqua, portando al disseccamento degli ulivi o agli alberi che non producono frutti.

Secondo il rapporto della Commissione europea, la maggior parte del Portogallo e parti della Spagna hanno ricevuto il 50% di precipitazioni in meno a luglio e nella prima metà di agosto rispetto alla media a lungo termine dal 1991 al 2021.

pubblicità

Questo aggrava il inverno estremamente secco e la primavera affrontata da entrambi i paesi, con il Portogallo che registra la seconda quantità più bassa di precipitazioni in un anno idrologico dal 1931 e parti della Spagna che sperimentano le condizioni più secche da oltre 1,000 anni.

Le previsioni a lungo termine non sono migliori nella penisola iberica, con la Commissione europea che prevede che temperature più elevate e condizioni di siccità persisteranno fino a novembre.

La mancanza di precipitazioni ha costretto gli agricoltori spagnoli a fare affidamento esclusivamente sull'irrigazione per innaffiare i raccolti. Tuttavia, i livelli dell'acqua nei serbatoi esplicitamente utilizzati per questo scopo sono quasi il 40% inferiori alla capacità di progetto, un livello caratterizzato come "eccezionalmente basso” dalla Commissione Europea.

Inoltre, i livelli dell'acqua in Andalusia;, Castilla-La Mancha ed Extremadura, rispettivamente le tre maggiori regioni produttrici di olio d'oliva in Spagna, hanno una capacità inferiore al 30%.

La situazione è altrettanto grave in Portogallo, dove il ministro dell'Ambiente Duarte Cordeiro ha affermato che 10 delle 61 dighe del paese si trovano in una situazione critica, con un volume d'acqua immagazzinato inferiore al 20% della capacità.

Mentre i funzionari stanno studiando le restrizioni idriche per l'agricoltura e il pubblico in generale in entrambi i paesi, la desalinizzazione dell'acqua di mare viene discussa come una soluzione a lungo termine ai problemi idrici della penisola.

In questo dipartimento, la Spagna ha un vantaggio con 700 unità di desalinizzazione nel paese e il governo ha impegnato 300 milioni di euro per espandere la capacità.

Il Portogallo ha un solo impianto attivo e sta investendo 45 milioni di euro per costruirne un altro, raggiungendo potenzialmente 16 milioni di metri cubi di produzione di acqua potabile nei prossimi anni.

Tuttavia, alcuni ingegneri sono scettici sul fatto che l'espansione degli impianti di desalinizzazione sia una soluzione a lungo termine. La desalinizzazione è un processo costoso e ad alta intensità energetica. "Un investimento di questa portata non è giustificato", Sara Correi, attivista ambientale, ha detto ai media locali.

Gli attivisti ambientali in Spagna hanno suggerito che il sud del paese potrebbe dover diventare meno dipendente dall'agricoltura irrigua, che consuma l'85% di tutte le risorse idriche.

"A meno che non cambiamo l'equilibrio, non possiamo migliorare lo stato dei nostri fiumi o adattarsi ai cambiamenti climatici”, Julia Martinez, direttore esecutivo delle attività tecnico-scientifiche presso la New Water Culture Foundation, ha detto alla BBC.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti