`La continua siccità del Cile porta al razionamento dell'acqua a Santiago - Olive Oil Times

La continua siccità del Cile porta al razionamento dell'acqua a Santiago

Aprile 28, 2022
Paolo De Andreis

Notizie recenti

La gravità senza precedenti di una grave siccità che affligge il Cile ha portato a misure eccezionali per far fronte.

Quando la siccità entra nel suo 13th anno, le autorità della regione metropolitana di Santiago hanno annunciato un piano di razionamento dell'acqua che durerà almeno 12 mesi e coinvolgerà quasi tutti i distretti della capitale ei suoi sei milioni di residenti.

Questa è la prima volta nella storia che Santiago ha un piano di razionamento dell'acqua a causa della gravità del cambiamento climatico. È importante che i cittadini capiscano che il cambiamento climatico è qui per restare. Non è solo globale, è locale.- Claudio Orrego, governatore, Provincia di Santiago

Le misure straordinarie arrivano sulla scia dei nuovi fondi governativi annunciati nelle ultime settimane per gli agricoltori del Cile centrale la cui attività è profondamente colpita dalla prolungata siccità.

"Una città non può vivere senz'acqua”, ha detto in conferenza stampa Claudio Orrego, governatore della provincia. "E siamo in una situazione senza precedenti nei 491 anni di storia di Santiago. Dobbiamo prepararci perché potrebbe non esserci abbastanza acqua per tutti coloro che vivono qui”.

Vedi anche:Il tempo sta per scadere per prevenire i peggiori impatti dei cambiamenti climatici, afferma l'ONU

La maggior parte dei problemi per la città deriva dal significativo e progressivo calo della capacità idrica di due fiumi, il Maipo e il Mapocho. Insieme, rappresentano il principale approvvigionamento idrico per Santiago e l'attuazione delle nuove misure dipenderà dai loro livelli d'acqua.

Quattro gradi di gravità riguarderanno procedure che vanno dalle azioni iniziali di priorità per le riserve idriche cittadine agli avvertimenti alla popolazione, nonché alla possibile riduzione della pressione idrica disponibile.

pubblicità

Il livello di allerta più alto riguarda il razionamento dell'acqua per la popolazione, con turni a rotazione tra i distretti per tagli idrici che non dovrebbero durare più di 24 ore alla volta. Le riserve di emergenza saranno utilizzate per enti speciali come i servizi sanitari.

Le autorità locali hanno sottolineato come il paese abbia perso dal 10 al 37 per cento della sua disponibilità di acqua negli ultimi 30 anni e un altro calo del 50 per cento è previsto nel nord e nel centro del Cile entro i prossimi quattro decenni.

"Questa è la prima volta nella storia che Santiago ha un piano di razionamento dell'acqua a causa del gravità del cambiamento climatico", ha detto Orrego. "È importante che i cittadini capiscano che il cambiamento climatico è qui per restare. Non è solo globale, è locale”.

Orrego lo ha anche avvertito "la rivoluzione dell'acqua di cui stiamo parlando ora comporta cambiamenti da adottare in tutti i settori, compresi l'agricoltura, la produzione industriale e lo stesso governo".

Vedi anche:La scarsità d'acqua è la sfida più grande per la produzione alimentare

Alla fine di marzo, il ministro dell'Agricoltura Esteban Valenzuela ha rinnovato un decreto di emergenza che sosterrà finanziariamente le comunità rurali e gli agricoltori del Cile centrale che stanno affrontando i peggiori effetti della duratura siccità. L'intervento durerà altri tre mesi.

Nelle località colpite, molti comuni hanno costruito stagni d'acqua per raccogliere eventuali precipitazioni e le riserve vengono utilizzate per nutrire gli animali negli allevamenti più piccoli.

Secondo la Direzione nazionale meteorologica (DMC), il 2021 è stato l'anno più secco dall'inizio delle misurazioni, con una media del 50% di precipitazioni in meno in molte regioni.

Gli esperti locali ritengono che la mancanza di precipitazioni sia solo una delle cause dell'aggravarsi del fenomeno, in quanto uno dei maggiori problemi si ritiene sia la proprietà privata degli impianti idrici.

Le grandi aziende agricole, minerarie ed energetiche controllano la maggior parte delle infrastrutture idriche, come affermato da una legge del 1981 promulgata dal governo dell'ex dittatore Augusto Pinochet.

Vista la grave situazione in molte regioni, il ministro ha anche confermato che il governo sta studiando la possibilità di dichiarare lo stato di calamità nazionale, che gli consentirebbe di dispiegare misure ancora più significative su una vasta area del Paese. Molte regioni e distretti hanno chiesto al governo di non ritardare tale misura.



Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti