Il progetto sulla biodiversità si espande oltre la Spagna

Più di 750 olivicoltori mediterranei in quattro paesi hanno chiesto di aderire al progetto Olivares Vivos, che è riuscito ad aumentare la biodiversità negli uliveti andalusi.
Dicembre 15, 2021
Simon Roots

Notizie recenti

Il nuovo progetto LIFE Olivares Vivos+, che mira a ridurre l'impatto ambientale della coltivazione dell'olivo aumentando i profitti per gli agricoltori, si espanderà oltre la Spagna nelle principali regioni olivicole di Italia, Grecia e Portogallo.

Presentato presso la sede del Consiglio oleicolo internazionale di Madrid, il progetto durerà da quest'anno fino al 2026.

Vedi anche:L'intensificazione agricola danneggia la produttività degli oliveti

L'iterazione precedente è stata eseguita dal 2015 al 2020 e ha mostrato aumenti significativi della biodiversità insieme a una diminuzione media del 22 per cento della spesa per fertilizzanti e fitosanitari e dei pagamenti agli agricoltori attraverso le numerose iniziative ambientali del nuova politica agricola comune.

Il modello Olivares Vivos si basa su una ricerca condotta dal dipartimento di ecologia del Università di Jaén in collaborazione con la Stazione Sperimentale Zone Aride del Consiglio Nazionale delle Ricerche Spagnolo.

Questa ricerca ha misurato la biodiversità in 40 oliveti in Andalusia; prima e dopo l'introduzione di misure di recupero della fauna selvatica.

pubblicità

Lo studio ha confermato che entro tre anni dall'attuazione del progetto, il numero di specie di uccelli, formiche, api e piante è aumentato dal 12 al 40% nei boschi partecipanti e l'abbondanza di queste specie è aumentata del 25%. A medio termine si prevede di recuperare un ulteriore - per cento.

In totale, negli uliveti studiati sono state trovate 180 specie di uccelli, 60 specie di formiche, 200 tipi di api selvatiche e più di 750 varietà di piante, tra cui una pianta precedentemente sconosciuta alla scienza, Linaria Kartobensis, una rara specie endemica che è stata chiamata a "gioiello della flora andalusa.”

In questa nuova fase, il progetto LIFE cercherà di estendere e replicare questo modello in Spagna, attraverso allevamenti dimostrativi e corsi di formazione per agricoltori, nelle comunità autonome dell'Andalusia, Estremadura, Madrid, Castilla-La Mancha, Valencia e Catalogna.

Particolare attenzione sarà data all'impatto che cambiamento climatico possono avere sul modello, in particolare negli oliveti situati nelle zone semiaride delle province andaluse di Almeria e Granada.

Più significativamente, verrà introdotto anche il regione dell'Alentejo del Portogallo; le regioni di Toscana e Puglia in Italia; e sia il Peloponneso che Creta in Grecia.

"L'oliveto è la coltura più importante per la conservazione della fauna selvatica in Europa", ha affermato Asunción Ruiz, direttore esecutivo di SEO/BirdLife, una delle organizzazioni coinvolte nel progetto. "Il fatto che Olivares Vivos+ stia accelerando la sua espansione nelle principali regioni olivicole del bacino del Mediterraneo, un hotspot di biodiversità, rappresenta un impegno globale per recuperare il legame tra agricoltura e natura mantenendo gli interessi degli agricoltori come fondamento.

L'obiettivo del progetto nei prossimi anni è applicare i risultati ad altre colture, come la vite, il mandorlo e gli agrumi.

"Siamo convinti che questa estensione sarà il passo definitivo per consolidare Olivares Vivos come riferimento, aggiungendo più alleati e consolidando in Europa un modello di agricoltura conciliata con la vita", ha affermato Ruiz.

Molte delle singole misure che costituiscono la spina dorsale del modello sono sorprendentemente semplici. Comprendono la gestione della copertura erbacea, il ripristino delle cosiddette "aree improduttive” negli uliveti come calanchi, torrenti, sentieri e muri; la reintroduzione di specie autoctone non coltivate e l'installazione di infrastrutture di supporto per la fauna quali stagni, cassette nido e pali di recinzione.

Grazie al coinvolgimento di fondazioni di beneficenza, un numero consistente di queste attività è stato sostenuto da volontari che lavorano a fianco degli agricoltori che partecipano al progetto.

Finora, più di 750 agricoltori hanno chiesto di partecipare a questa nuova fase e 68 aree hanno firmato un manifesto in cui si impegnano a collegare il futuro della loro produzione di olive con il futuro della loro biodiversità locale.



pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti